domenica 7 febbraio 2010

Mercoledì 7 febbraio 1968

video

NAZIONALE

trasmissioni scolastiche
La RAI-Radiotelevisione Italiana, in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione, presenta
SCUOLA MEDIA
10,30 Osservazioni ed elementi di scienze naturali
Prof. Lory Santochi
L'acqua: composizione chimica
11,00 Storia
Prof. Franco Bonacina
Arti e mestieri alla fine del Medioevo
SCUOLA MEDIA SUPERIORE
11,30 Storia
Prof. Franco Gaeta
L'età di Carlo V
12,00 Tecnologia generale meccanica
Prof. Vincenzo Fazzo
Resistenza dei materiali: il carico di punta

meridiana
12,30 SAPERE
Replica delle trasmissioni 1967
Difendiamo la vita
Corso di antinfortunistica
a cura di Francesco Deidda
Realizzazione di Salvatore Nocita
13,00 A TU PER TU
Viaggi fra la gente
di Giorgio Vecchietti
13,25 PREVISIONI DEL TEMPO
In studio Edmondo Bernacca
13,30 TELEGIORNALE
14,00 EUROVISIONE
Collegamento tra le reti televisive europee
FRANCIA: Grenoble
OLIMPIADE INVERNALE
Gara di fondo maschile Km. 30
Telecronista Guido Oddo

per i più piccini
17,00 GIOCAGIO'
Rubrica realizzata in collaborazione con la BBC
Presentano Elisabetta Bonino e Saverio Moriones
Regia di Marcella Curti Gialdino

17,30 SEGNALE ORARIO
TELEGIORNALE
Edizione del pomeriggio
GIROTONDO (SAMOR olio di semi - Formaggino Prealpino - Petit Maggiora- Royco)

la TV dei ragazzi
17,45 TRE DONNE, TRE GRANDI BATTAGLIE
di Bonaventura Caloro
Florence Nightingale
Con Lida Ferro, Daniela Goggi e la partecipazione di Nicoletta Rizzi e Dina Sassoli.
Scene di Mariano Mercuri
Costumi di Emma Calerini
Regia di Gianfranco Bettetini
18,35 IL FUOCO NELLA TUNDRA
Fiaba di cartoni animati
Regia di Olga Khodatejeva
Distr. Cinelatina

ritorno a casa
GONG (Pizza Star - Aiax lanciere bianco)
18,45 OPINIONI A CONFRONTO
a cura di Gastone Favero
19,15 SAPERE
Orientamenti culturali e di costume
coordinati da Silvano Giannelli
Il pianeta Terra
a cura di Giancarlo Masini con la consulenza di Guglielmo Righini
Realizzazione di Beppe Recchia

ribalta accesa
19,45 TELEGIORNALE SPORT
TIC - TAC (Crème Caramel Royal - Landy Frères - Magnesia Bisurata Aromatic - Riso Curti - Est Elettrodomestici - Johnson Italiana)
SEGNALE ORARIO
NOTIZIE DEL LAVORO E DELL'ECONOMIA
CRONACHE ITALIANE
OGGI AL PARLAMENTO
ARCOBALENO (Terme di Recoaro - Pasta Antonio Amato - Pneumatici Pirelli - Commissione Tutela Lino - Carrarmato Perugina - Aspro)
IL TEMPO IN ITALIA
In studio Nicoletta Orsomando
20,30 TELEGIORNALE
Edizione della sera
CAROSELLO
(1) Vidal Profumi - (2) Brandy Vecchia Romagna - (3) Dixan per lavatrici - (4) Tè Ati - (5) Doria Crackers e biscotti
I cortometraggi sono stati realizzati da: 1) Produzioni Cinetelevisive - 2) Roberto Gavioli - 3) Studio K - 4) Cinetelevisione - 5) Roberto Gavioli

21,00 RITORNO NEL SUD
di Virgilio Sabel
con la collaborazione di Giuseppe Giacovazzo
DOREMI' (Tortellini Pagani - Lucido Kii - Lama Wilkinson)
22,00 MERCOLEDI' SPORT
Telecronache dall'Italia e dall'estero
23,00 TELEGIORNALE
Edizione della notte

SECONDO

18,30 Il Ministero della Pubblica Istruzione e la RAI-Radiotelevisione Italiana presentano
NON E' MAI TROPPO TARDI
1° corso di istruzione popolare per adulti analfabeti
Insegnante Alberto Manzi
Allestimento di Kicca Mauri Cerrato
19,00 - 19,30 SAPERE
Orientamenti culturali e di costume
coordinati da Silvano Giannelli
Una lingua per tutti
Corso di inglese
a cura di Biancamaria Tedeschini Lalli
Realizzazione di Salvatore Baldazzi

21,00 SEGNALE ORARIO
TELEGIORNALE
Edizione del 2°
21,10 INTERMEZZO (Kop Pavimenti - Fratelli Branca Distillerie - Omogeneizzati Nestlè - Patatina Pai - Aspichinina - Caffettiera Moka Express Bialetti)
21,15 TYRONE POWER, UN DIVO DEGLI ANNI QUARANTA
a cura di Gian Luigi Rondi
LA LUNGA LINEA GRIGIA
Film - Regia di John Ford
Prod. Columbia
Int.: Tyrone Power, Maureen O' Hara
DOREMI' (Lotteria di Agnano - Alemagna)
22,55 L'APPRODO
Settimanale di lettere ed arti
a cura di Antonio Barolini, Massimo Olmi, Geno Pampaloni
con la collaborazione di Mario R. Cimnaghi e Walter Pedullà
coordinato da Franco Simongini
Presenta Maria Napoleone
Realizzazione di Paolo Gazzara
23,25 EUROVISIONE
Collegamento tra le reti televisive europee
FRANCIA: Grenoble
OLIMPIADE INVERNALE
Riassunto filmato delle gare odierne
-------------------------------------------------------------------------------------

Anche nell'ancor giovane televisione italiana il 1968 porta una ventata rivoluzionaria che dà una svolta al mondo dell'informazione. Per tutto il '67 si è parlato di una fascia meridiana televisiva da attuare sul Nazionale quanto prima, riempiendo così gli spazi lasciati liberi da Telescuola, in modo fresco e nuovo, con rubriche di servizio, telefilm, cartoni animati, comiche, financo con il seguitissimo Settevoci di Pippo Baudo la domenica, ma soprattutto con un telegiornale diverso da quattro abitualmente in onda ogni giorno, più lungo ed approfondito e soprattutto condotto in studio dagli stessi giornalisti di una redazione in quel periodo diretta da Fabiano Fabiani. Dopo molti rinvii, alle 13,30 di lunedì 15 gennaio 1968 va finalmente in onda la prima edizione del nuovo notiziario. Che si tratti di una cosa ben diversa lo si nota sin dai primissimi secondi della sigla: una panoramica dello studio, con quattro postazioni (tre delle quali gestite da altrettanti giornalisti: la quarta è occupata inizialmente da Nicoletta Orsomando, la popolarissima annunciatrice, che cerca di dare con il proprio garbo un tocco femminile ad un ambiente allora quasi totalmente maschile: più tardi le subentrerà, specie di domenica, Maurizio Barendson per lo sport), l'immagine fissa della consueta sigla grafica (il mappamondo sovrastante un'antenna, con la scritta limitata all'intestazione Telegiornale) che viene trasmessa dall'Eidophor, uno schermo gigante nuovo di zecca, ed il consueto motivo musicale di Egidio Storaci rielaborato in un più moderno arrangiamento da Paolo Renosto (versione che sarà estesa alle altre edzioni solo dal 1° febbraio 1970, quando il direttore Willy De Luca, nel frattempo subentrato a Fabiani, favorirà un'ulteriore evoluzione formale della testata).
In quei primi giorni di trasmissione, purtroppo, incombono (come potete vedere dal filmato illustrativo da noi inserito, una sintesi del TG delle 13,30 del 19 gennaio)le notizie dalla Valle del Belice, zona del Trapanese devastata da un sisma. Quando la situazione tellurica siciliana non desta più particolari preoccupazioni, si possono affrontare tematiche più serene o comunque più varie, come il Festival di Sanremo, con Giorgio Gaber in studio a Roma e Gigi Marsico inviato nella Città dei Fiori. Quello del 7 febbraio è solo il ventiquattresimo TG consecutivo ad essere trasmesso all'ora di pranzo, ma già il pubblico dei telespettatori ne fa un appuntamento irrinunciabile. Merito dei giornalisti che si alternano settimanalmente alle scrivanie: Piero Angela (che vedete pure in questo reperto filmato), Andrea Barbato, Mario Pastore, Sergio Telmon, Tito Stagno, il già ricordato Maurizio Barendson, Lello Bersani e più tardi Vittorio Citterich e Pier Giorgio Branzi. Elio Sparano è l'abituale corrispondente da Milano, mentre da Bologna Mario Cobellini, il giorno della finalissima dello Zecchino d'Oro (19 marzo), deve fare i conti con un bambino impaziente che dice continuamente in diretta Ho fame ! (e Cobellini giustifica la situazione facendogli eco con un Anche noi !)e che in realtà è Chicco Mariano, uno dei giovanissimi componenti il Piccolo Coro dell'Antoniano diretto da Mariele Ventre.
Insomma, il ritmo del notiziario è sostenuto; il maggior tempo a disposizione rispetto ai 15-20 minuti delle altre finestre informative quotidiane televisive consente un maggior respiro sotto il profilo del confezionamento del giornale. Almeno all'inizio, i condizionamenti politici sull'enunciazione delle notizie non sono visibili, fors'anche inesistenti (se si eccettua una maggiore, anzi, un'estrema cautela nel riferire sui disordini e sulle manifestazioni studentesche, almeno quelle italiane: con il Maggio francese l'approccio sarà diverso, sicuramente con maggiori approfondimenti). Certo è che la formula funziona bene: nell'autunno del 1968 anche l'edizione pomeridiana vedrà al timone un giornalista, il toscanaccio Paolo Cavallina (che poi passerà anch'egli all'edizione del mezzogiorno),mentre, come già accennato più sopra, dal 1° febbraio 1970 sarà anche l'edizione principale, quella delle 20,30, a risultare corale, pure qui con un vero e proprio dream team di giornalisti bravissimi e famosissimi. Accanto ai veterani si fanno largo le nuove leve venute fuori dal concorso bandito nel 1967: tra queste si afferma un ragazzo abruzzese dall'inconfondibile neo in viso, di nome Bruno Vespa...ma questa è ormai un'altra storia.
Termina così il nostro post odierno: vi diamo appuntamento a domani e vi auguriamo un buon proseguimento di domenica.
Un caro saluto da
CBNeas

Nessun commento: