venerdì 10 agosto 2012

Giovedì 9 agosto 1973


NAZIONALE

                      Per Messina e zone collegate, in occasione della XXXIV Fiera Campionaria Internazionale
10,15 - 11,40 PROGRAMMA CINEMATOGRAFICO

           la TV dei ragazzi

18,15  CLUB DEL TEATRO: IL BALLETTO
           a cura di Eduardo Rescigno e Giampiero Tintori
           Regia di Guido Tosi
19,00  GABI E DORKA
           Un simpatico terzetto
           con Gabor Egyazi, Zsuzsa Gyurkovits, Erzsi Orsolva, Zsimond Fulop
           Regia di Mihaly Szemes
           Prod.: TV Budapest

           GONG (Aspirina effervescente Bayer - Lux sapone)
19,15  MARE SICURO
           Un programma di Andrea Pittiruti
           Realizzazione di Maricla Boggio

           ribalta accesa

19,45  TELEGIORNALE SPORT
           TIC - TAC  (Milkana Oro - Dash - Olio semi vari Olita - Venus Cosmetici)
           SEGNALE ORARIO
           CRONACHE ITALIANE
           ARCOBALENO 1 (Gelati Tanara - Dentifricio Ultrabrait - Magazzini Standa)
           CHE TEMPO FA
           In studio Andrea Baroni
           ARCOBALENO 2 (Camay - Prinz Brau)
20,30  TELEGIORNALE
           Edizione della sera
           Direttore Willy De Luca
           CAROSELLO
           (1) Lacca Cadonett - (2) Oransoda Fonti Levissima - (3) "api" - (4) Fette Biscottate Buitoni Vitaminizzate - (5) Charms Alemagna
           I cortometraggi sono stati realizzati da: 1) Studio K - 2) Unionfilm P.C. - 3) Cinetelevisione - 4) Studio K - 5) General Film

21,00  TRAGICO E GLORIOSO '43
           a cura di Mario Francini
           I 45 giorni di Badoglio
           di Ivan Palermo e Stefano Roncoroni
           Consulenza di Renzo De Felice
           DOREMI' (Coppa Rica Algida - Frottèe superdeodorante - Trinity - Insetticida Getto)
22,00  FRANK SINATRA
           La voce
           Programma musicale
           a cura di Adriano Mazzoletti
           Presenta Teddy Reno
           Partecipa Carlo Mazzarella
           Regia da studio di Fernanda Turvani
           Concerto alla Royal Festival Hall con Grace Kelly
           BREAK 2 (Fernet Branca - Tonno Simmenthal)
23,00  TELEGIORNALE
           Edizione della notte
           CHE TEMPO FA
           In studio Andrea Baroni
           SPORT

SECONDO

             TRASMISSIONI IN LINGUA TEDESCA
             PER LA ZONA DI BOLZANO

                             SENDER BOZEN

            SENDUNG IN DEUTSCHER SPRACHE

19,30  LERCHENPARK
           Bewahrung
           Fernsehkurzfilm mit Renate Schroeter und Gunther Mack
           Regie: Dieter Lemmel
          Verleih: Bavaria
19,55  SPIONEN, AGENTEN, SOLDATEN
           Gehelme Kommandos im 2. Weltkrieg
           Nach uns die Sinflut
           Verleih: Osweg
20,25  KARL VALENTINS LACHPARADE
           A bisserl blad  - aber herzig
           Ein kabarettistisches Programme
           Mitwirkende:
           Erni Singerl, Enzi Fuchs, Maxl Graf, Gustl Bayrhammer, Eva Vaitl u. a.
           Regie: Wolfgang F. Henschel
           Verleih: Ufa
20,45 - 21,00  TAGESSCHAU

21,00  SEGNALE ORARIO
           TELEGIORNALE DEL SECONDO PROGRAMMA
           INTERMEZZO (Cristallina Ferrero - Collirio Stilla - Insetticida Idrofrish - Lacca Adorn - Nuovo All per lavatrici - Omogeneizzati Diet - Erba)
21,15  SIM SALABIM
           Spettacolo di Sergio Paolini e Stelio Silvestri
           condotto da Silvan
           con Evelyn Hanack, Pietro De Vico e Gigi Reder
           Scene di Eugenio Guglielminetti
           Complesso diretto da Luciano Fineschi
           Coreografie di Paolo Gozlino
           Regia di Romolo Siena
           DOREMI' (Winefood - C.D.S. - Insetticida Raid)
22,15  AUTORITRATTO DELL'INGHILTERRA
           50 anni di cinema-documento
           a cura di Ghigo De Chiara
           Collaborazione di Anna Cristina Giustiniani
           Consulenza di John Francis Lane
           Sotto le bombe

TSI - SVIZZERA

19,30  QUANDO SARO' GRANDE
           Il gioco del mestiere
           con Fosca e Michel
20,00  INCOMPIUTO
           Disegno animato
           (A COLORI)
20,10  TELEGIORNALE     1a edizione
           (A COLORI)
   -      TV - SPOT
20,20  FATTORIA PRATI VERDI
           La regola del 7
           Telefilm
           (A COLORI)
   -      TV-SPOT
20,50  SITUAZIONI E TESTIMONIANZE
           Rassegna quindicinale di cultura di casa nostra e degli immediati dintorni
      -    Credere nell'arte - Gisele Real
           Servizio di Gino Macconi
      -    La tipografia Agnelli di Lugano  
           Servizio di Gianna Paltenghi
           (PARZIALMENTE A COLORI)
      -   TV-SPOT
21,20  TELEGIORNALE       Edizione principale
           (A COLORI)
     -    TV-SPOT
21,40  GOOD MORNING EUROPA
           L'entrata della Gran Bretagna nel MEC
           Servizio di Bruno Soldini e Silvano Toppi
           (A COLORI)
22,30  MANDARA
           Documentario
           (A COLORI)
24,00  TELEGIORNALE     Terza edizione
           (A COLORI)


KOPER - CAPODISTRIA 

21,00  L'ANGOLINO DEI RAGAZZI
           Cartoni animati
21,15  TELEGIORNALE
21,30  RIDIAMO CON FRANCHI E INGRASSIA
23,00  DUELLO SULLA PISTA DI GHIACCIO
           Cortometraggio turistico-sportivo
----------------------------------------------------------
Finalmente, dopo due mesi di forzata inattività, riaccendiamo il nostro Focolare. Pensavamo di farcela a metà luglio, tra un bagno e l'altro, ma siamo stati assai sfortunati, capitando in una zona non solo priva di Wi-Fi, ma anche di ricezione accettabile per quanto riguarda la scialuppa - chiavetta, per cui quei post estivi, freschi come un buon bicchiere di Tropical (chissà se c'è ancora qualcuno che prepara questa bibita a base di latte e menta... citazione abbastanza azzeccata, dato il voluto clima vintage che qui si respira oramai da due anni e mezzo), che avevamo amorevolmente preparati per voi sono passati inopinatamente in cavalleria. Ora essi staranno in freezer per un anno e li riutilizzeremo senz'altro nel luglio del 2013.
Ne abbiamo approfittato per portarci avanti con il secondo libro che stiamo scrivendo e che speriamo di lanciare a fine 2013-inizio 2014, in coincidenza con un evento pertinente all'argomento trattato... per ora pensiamo a promuovere il Lunario dei giorni di Tele che, dopo un'anteprima - battesimo - numero zero effettuatasi il 29 giugno scorso presso il Circolo ARCI di Chivasso, con l'autunno spiccherà definitivamente il volo. Quei pochi che già dispongono del volume ne sono entusiasti e di ciò siamo felici. Speriamo che la fortuna possa arriderci in maniera più concreta con i primi freddi.

Grazie al Cielo siamo ancora in estate e ci ritroviamo, come è nostro costume sin da quando è nato il nostro blog, a celebrare la discrezione della TV vacanziera di una volta, che riduceva la programmazione per non essere invadente nel corso delle ferie degli italiani: non più di cinque-sei ore di trasmissioni e (come diceva una sensitiva romana che frequentavamo qualche anno fa) vai cor tango.

 Abbiamo scelto per la nostra rentrèe un altro 9 agosto capitato di giovedì, proprio come nel corrente anno: quello del 1973. Nessuno immagina che fra pochi mesi, a causa dell'ennesimo conflitto mediorientale, si dovrà parlare di risparmio energetico, di vera e propria crisi, di austerity: l'italiano medio si gode il sudato e meritato ciclo di vacanze spensierate, mentre la canzone alla moda è la stupenda Minuetto di Mia Martini e i bambini scoprono dei pupazzetti di gelato, Pepito e Zio Tom, prodotti dalla Toseroni.
I programmi per i ragazzi , come è consuetudine ormai da parecchi anni, d'estate hanno inizio dopo le 18,00, orario sicuramente ideale per riunire il verde pubblico davanti ai televisori (specialmente ai sempre più diffusi portatili con antenna propria), proponendo anche cose di una certa validità. E' il caso di Club del teatro, serie giunta al quarto ciclo, il cui fine è spiegare con semplicità ai giovanissimi le varie forme di rappresentazione scenica. Dopo la prosa e il melodramma, per l'estate del 1973 l'argomento prescelto è la danza e per l'occasione si scomodano due illustri musicologi: Giampiero Tintori, presto direttore del Museo Teatrale della Scala di Milano, carica che rivestirà sino alla morte (fine anni '90), ed Eduardo Rescigno, noto ai più per le esaurienti analisi delle partiture operistiche pubblicate nei fascicoli della collana discografica Le grandi opere liriche, licenziata nel 1969 -'70 dai Fratelli Fabbri Editori e venduta nelle edicole.
La storia del balletto classico giunge a una puntata sicuramente succulenta, non foss'altro perchè vengono confrontati Ciaikovski e Stravinsky, rispettivamente con Il lago dei cigni e La bella addormentata nel bosco del primo e L'uccello di fuoco e La sagra della primavera del secondo. Pur se non disponiamo dei contributi filmati trasmessi quel pomeriggio, vi mostriamo un filmato amatoriale girato nel 1972 al Teatro Kirov di San Pietroburgo (allora Leningrado), con la locale compagnia di danzatori impegnata proprio nel Lago dei cigni:

video

Per il secondo anno consecutivo, la RAI riduce di molto il carico pubblicitario destinato ai mesi di luglio e agosto. Eppure, in quelle vacanze 1973 le novità non mancano: parlammo già in passato delle nuove sigle, atte a mandare in pensione i bumpers storici delle varie rubriche di telecomunicati (esclusi, per il momento, Carosello e Intermezzo, destinati a rinnovarsi l'anno successivo). Stavolta ci occupiamo di un jingle destinato a incontrare una certa fortuna, quello del formaggino Milkana Oro. Se il Milkana Blu, intorno al 1967, si presentava con la parodia a scopi reclamistici di una canzone di successo (Così come viene, lanciata al festival di Sanremo del 1966), per il Milkana Oro si punta sulla novità: musica modernissima originale (e assai orecchiabile) del mago Franco Godi e testo semplice ed incisivo, adatto ai bambini e contenente un messaggio in codice del tipo "Garantiamo l'autenticità del prodotto", essendoci stati in precedenza casi di formaggini sofisticati, o comunque di roba commestibile che tutto era meno che derivata da latticini (con i conseguenti, inevitabili sequestri, primo passo di quella lotta alle sofisticazioni alimentari che fortunatamente sarà combattuta con costanza, in Italia - con i NAS - e non solo, nei decenni a venire). E allora, riascoltiamo con piacere cosa avviene là dove il pascolo è più alto:

video

Anche la TSI ha una programmazione più leggera, adatta sicuramente alla stagione calda, e punta tutto su una situation comedy squisitamente statunitense che però, a differenza di molte altre, non incontrerà il grande successo in versione italiana. Il titolo è Fattoria prati verdi (Green acres), con Eva Gabor ed Eddie Albert. L'episodio in onda quella sera, La regola del sette, dovrebbe essere questo You Can't Plug in a 2 with a 6 che abbiamo trovato in una strana versione in lingua russa (che copre a mo' di traduzione simultanea la banda sonora originale angloamericana) e che vi mostriamo per intiero:

video 

video 

La serata è zeppa di trasmissioni interessanti, specialmente sui due canali RAI. Il Nazionale sta celebrando il trentennale degli accadimenti che misero fine al regime fascista e diedero una svolta al secondo conflitto mondiale con un documentario-inchiesta a puntate dal titolo Tragico e glorioso '43, al quale collabora anche lo storico per eccellenza dell'era mussoliniana, il grande Renzo De Felice. Il capitolo che viene trasmesso la sera del 9 agosto è interamente dedicato a colui che governò l'Italia immediatamente dopo il Duce, oramai giubilato dal Gran Consiglio: il maresciallo Pietro Badoglio. Come dimenticare il celeberrimo annuncio dato, nella calda domenica sera del 25 luglio 1943 dai microfoni dell'EIAR, dall'annunciatore radiofonico Titta Arista ? 
 
video 

Solo tre giorni dopo, in via Nicolò Dell'Arca a Bari, un pacifico corteo di studenti e professori antifascisti che si erano diretti verso alcuni loro compagni e colleghi che avrebbero dovuto essere scarcerati di lì a poche ore venne represso violentemente dalla Polizia di Regime: vi furono decine e decine di morti e di feriti. L'inserto video seguente (pur non di buona qualità ma, se non altro, tratto direttamente da Tragico e glorioso '43) ricostruisce quella vile strage con ricordi di prima mano:

                                           video

Il nome di Pietro Badoglio si associa inevitabilmente all'armistizio di Cassìbile dell'8 settembre 1943 tra l'Italia e le forze anglo-americane: anche l'annuncio dato via radio dal maresciallo è un documento sonoro tra i più noti, continuamente riproposto in tali occasioni celebrative (in esso spicca l'errata pronuncia del nome del generale statunitense che una decina d'anni dopo andrà alla Casa Bianca, Ike Eisenhower).

video

Ormai le parti si sono invertite: i tedeschi diventano nostri nemici (sostenuti solo dagli irriducibili repubblichini) e così, il 13 ottobre del 1943, l'Italia dichiara guerra alla Germania. L'annuncio di tale svolta agli eventi bellici viene dato agli ascoltatori inglesi dallo speaker della BBC di Londra, Freddie Grisewood:

video  

Questa finestra dedicata a Pietro Badoglio termina con un canto, al cui testo mise mano lo scrittore piemontese Nuto Revelli, che attacca senza mezzi termini la figura dell'ex-Maresciallo d'Italia e s'intitola La Badoglieide: ne ascoltiamo l'interpretazione più celebre, uscita negli anni Sessanta per I dischi del Sole e cantata dalla coppia Fausto Amodei (anche chitarrista accompagnatore) - Michele Straniero.

video

Sul Secondo, invece, giunge al termine lo spettacolo quindicinale (si è alternato in queste settimane con Giochi senza frontiere) Sim Salabim, con il mago veneziano Aldo Savoldello, più noto come Silvan, all'apoteosi del proprio successo personale. In questo show, ambiziosa produzione della sede RAI di Torino affidata alla regia dell'esperto Romolo Siena, c'è praticamente di tutto: attrazioni circensi e del music-hall provenienti "da Las Vegas, Berlino, Shanghai e Paris" (come lo stesso illusionista, assieme alla partner femminile, la ballerina tedesco-orientale Evelyn Hanack, canta nell'apposito stacchetto introduttivo); scenette comiche con i caratteristi Pietro De Vico e Gigi Reder; un po' di dixieland con i Seniores di Luciano Fineschi; ospiti che prendono lezioni di magia dallo stesso Silvan. Naturalmente quest'ultimo dà vita a momenti altamente spettacolari di prestidigitazione che catturano i telespettatori, soprattutto i più giovani: dai soliti fazzoletti che si trasformano in colombe viaggiatrici da un cilindro all'altro alle carte che si moltiplicano misteriosamente, per non parlare dei bauli tagliati in due. E' un successone, tanto che nel '74 verrà varato un secondo ciclo, un po' più da camera (con la regia che passerà a Dada Grimaldi), ma non meno interessante di Sim Salabim. Intervengono in qualità di ospiti canore di quell'ultima puntata due voci assai diverse, per quanto caratteristiche dei rispettivi filoni musicali: c'è Nada Malanima, che a quasi 20 anni è pronta alla svolta nel contesto della propria carriera, una svolta che le permetterà di svestire i panni, ormai sin troppo stretti, di pulcino di Gabbro. La cantante labronica si esibisce davanti alle telecamere con Ancora un po' d'amore:

                                        video

Assai curiosa è l'altra partecipazione musicale: interviene infattti un'artista praticamente sconosciuta in Italia, una cantante e danzatrice rumena specializzata nel folklore indiano, dalla voce molto sottile e comunque tipica. Si tratta di Naarghita: abbiamo trovato un suo filmato televisivo, anche se non è quello tratto da Sim Salabim ed è comunque proveniente da un organismo straniero. Esso però ci sembra assai eloquente per avere un'idea di questo personaggio raramente esibitosi nel nostro Paese:

video

Il Nazionale ritrasmette in seconda serata un programma che era già andato in onda un anno e mezzo prima sul Secondo (anche se il grande Ugo Buzzolan non lo ricorda e lo spaccia come novità, lanciando, stavolta ingiustamente, dalle colonne de La Stampa di Torino la solita accusa alla RAI, quella di scongelare in piena estate cose registrate e pronte da parecchio tempo, anche da quasi due anni - come in questa circostanza -). Si tratta di un'antologia di esibizioni dal vivo del grandissimo Frank Sinatra, acquistate da televisioni estere e diffuse proprio nel periodo in cui l'artista italo-americano aveva annunciato il proprio ritiro dalle scene, con il commento di Teddy Reno e la partecipazione di grandi esperti di cultura e spettacolo a stelle e strisce (come il giornalista Carlo Mazzarella, tanto per intenderci). Questa replica avviene in coincidenza con un evento inatteso quanto gradito: The Voice ci ha ripensato e proprio nell'estate 1973 è uscito un suo nuovo disco, un'altra canzone d'origine francese (proprio come My way) che ha fatto tradurre con un titolo assai emblematico, Let me try again ("Lasciatemi provare ancora").

Abbiamo trovato (a colori e quasi tutto) il concerto tenuto da Frankie alla Royal Festival Hall di Londra, oggetto di quella trasmissione andata nuovamente in onda quella calda sera di 39 anni fa esatti: c'è la presentazione della Principessa di Monaco Grace Kelly, giunta per l'occasione nella capitale britannica e visibilmente emozionata nell'introdurre un amico e un collega, non mancando di ricordare il film girato insieme, il divertente musical Alta società del 1956. Naturalmente riascoltiamo molti classici del repertorio del cantante del New Jersey scomparso nel 1998 a quasi 83 anni (il cui ricordo è stato, a dire il vero, offuscato da imitatori peraltro un po' pesanti, come il canadese Michael Bublè): troviamo cose come You make me feel so young, Pennies from Heaven...

video

...  I've got you under my skin di Cole Porter, Something dei Beatles, The lady is a tramp (dal film Pal Joey)...

video

... I will drink the wine (che a fine '73 sarà ripresa da Adriano Celentano nel 33 giri Nostalrock), I have dreamed...

video

... My kind of town e naturalmente il gran finale con l'immancabile My way:

video 

La serata si conclude con uno di quei programmi assai dotti che oggi sono rimasti prerogativa dei canali tematici satellitari o digitali, ma che allora erano veramente il fiore all'occhiello della RAI. Viene cioè passata in rassegna la lunga stagione del documentario storico inglese, così ricco di pietre miliari. La puntata di quella sera di Autoritratto dell'Inghilterra, la cui ideazione si deve al poliedrico Ghigo De Chiara, ci parla dei registi attivi in piena Seconda Guerra Mondiale. Inizialmente viene citato Pat Jackson, autore di Western Approaches, girato con i marinai della flotta britannica di guerra. Da questo film ascoltiamo uno stralcio della colonna sonora, composta da Clifton Parker:

                                          
                                               video

Successivamente il discorso si sofferma maggiormente sul più prolifico Humphrey Jennings, noto anche per aver filmato i bombardamenti di Londra: ecco un brevissimo frammento da The first days del 1939:

video

Con questo filmato termina il post che ha segnato la riaccensione del Focolare dopo quasi due mesi di stop. Sicuramente riprenderemo a scrivere con l'abituale costanza, sempre spigolando tra radio e TV di una volta, per il nostro (e soprattuttto vostro) piacere.
Buon bagno (per chi è ancora al mare) e soprattutto buona lettura ! ! !

Un caro saluto da

CBNeas

                                                   
...e ricordate…
LUNARIO DEI GIORNI DI TELE
di Cesare Borrometi


Con il passare degli anni crescono sempre più la nostalgia e l’interesse per la vecchia TV di qualità: appositi canali digitali, siti Internet dedicati, pubblicazioni periodiche, tanto nelle edicole quanto nei negozi specializzati; DVD contenenti, tutte o in parte, storiche trasmissioni di ieri, libri a carattere storico-rievocativo godono di un pubblico scelto, appassionato e spesso anche esigente. Eppure c’era una lacuna da colmare: un almanacco, un lunario che raccogliesse, giorno per giorno, una vasta gamma di programmi di quel periodo d’oro, dal varietà allo sceneggiato, dalla pubblicità all’informazione, dalla TV dei ragazzi al teatro, allo sport, alla cultura e via dicendo. In tutto 366 titoli, uno per ogni giorno dell’anno, scelti in base alla relativa data di trasmissione (o di inizio serie per i programmi a puntate) o ad eventi particolari atti a determinarne il successo, e corredati da schede tecniche, presentazioni e commenti. Questa lacuna viene oggi colmata da Cesare Borrometi, ideatore di una formula che senz’altro cambierà il modo di gestire la storiografia sull’argomento: fermo intendimento dell’autore è di produrre nel tempo ulteriori libri del genere, fornendo all’appassionato, allo studioso e al curioso un panorama il più possibile preciso dei giorni, dei mesi e degli anni che hanno visto sbocciare trasmissioni e personaggi di fama del “piccolo schermo” da riscoprire e rivalutare.

MEF - Firenze Libri
Pagine: 330
Prezzo: Euro 29,00

ORDINATELO ON LINE NEI SITI PREPOSTI ALLA

 VENDITA DEI LIBRI

OPPURE RICHIEDETELO ESPRESSAMENTE AL 

VOSTRO BOOKSTORE DI  FIDUCIA.

3 commenti:

Sergio Mannu ha detto...

Ringrazio Cesare per questo straordinario pezzo di bravura, perché parlare della storia della TV significa rivivere, prima di tutto, la nostra storia personale. Rileggendo infatti l'articolo, sono stato immediatamente proiettato alle mie meravigliose vacanze a Sorradile, il paterno paesino in provincia di Cagliari (di Oristano dal 1974) in cui trascorsi, nell'estate del 1973, quarantacinque giorni di assoluta felicità, reduce tra l'altro dai successi radiofonici de "Il gamberetto" condotto da Ric e Gian. La televisione, in quel mio mese e mezzo di vacanza, non rivestì un ruolo particolarmente significativo, salvo che all'ora di cena. Come ragazzino dodicenne, del quale conservo intatte a tutt'oggi la sensibilità e l'immaginazione, fui particolarmente colpito dalla musica della pubblicità del delizioso formaggino Milkana Oro, che risentita oggi dopo quasi quarant'anni è riuscita a commuovermi come mai avrei immaginato. Un altro piccolo miracolo di Franco Godi, l'Ennio Morricone del jingle e un altro colpo di classe di Cesare che, come sempre, ha saputo cogliere con la massima precisione un dettaglio estremamente significativo per il gusto del tempo.
Ho apprezzato molto, inoltre, la citazione di "Sim Sala Bim", patito com'ero di Silvan e dei suoi giochi di prestigio, di cui possedevo ambo le scatole (n. 1 rossa, n. 2 blu) di produzione Clementoni di Recanati (MC). Realizzato negli studi RAI di Torino, "Sim Sala Bim" era una rivista leggera e gradevole come una carezza, a mio giudizio meno pretenziosa di quella dell'anno successivo che, pur con lo stesso cast, tenterà con alterne fortune di proporsi come una sorta di spettacolo di Las Vegas "all'italiana". Nell'edizione del 1973, trovavo assolutamente buffissimo e autoironico Silvan allorquando, nelle vesti di improbabile cantante praticamente afono, presentava in duetto con la conturbante Evelyn Hanack l'attrazione internazionale della serata. In ambo le edizioni, il direttore d'orchestra fu il grande trombonista e pluristrumentista Luciano Fineschi, torinese anch'egli e noto al grande pubblico come conduttore del complesso "I Seniores" che accompagnavano i cantanti di "Settevoci".
Un commento conclusivo: i gelati Toseroni non erano reperibili in tutte le regioni d'Italia. A Genova, a Torino e in Piemonte, per esempio, erano assolutamente introvabili mentre per contro, proprio in Sardegna e da quanto mi è stato detto anche nel Lazio, erano i più diffusi. Lo stesso discorso vale per altre marche locali, come ad esempio la Chiavacci di Torino che era del tutto sconosciuta nel Centro-Sud e nelle Isole.

Sergio Mannu ha detto...

Il "Programma Cinematografico" delle ore 10:15, noto popolarmente come "il film al mattino", veniva trasmesso in occasione di eventi particolari quali la citata Fiera Campionaria di Messina, la Fiera del Levante di Bari, la Fiera Campionaria di Milano e, per Torino e zone collegate, il Salone della Tecnica, che si teneva nella Capitale Subalpina verso la metà del mese di settembre. Chiedo conferma a Cesare, ma temo che questa simpatica abitudine sia scomparsa dal 1977, anno di grandi cambiamenti conseguenti alla riforma RAI del 1976, ultimo anno in cui io ricordo la messa in onda del film mattutino. I titoli trasmessi, in genere, non erano niente di che: tra i vari ricordo "La Taverna dei Sette Peccati" con Marlene Dietrich e John Wayne, "Fedora" con Amedeo Nazzari e Luisa Ferida, "Maturità classica" con Paolo Ferrari e Mita Medici, "O gangaceiro" con un giovane Tomas Milian, "Nick Carter" con Eddie Constantine, "I giorni del vino e delle rose" con Jack Lemmon. Tuttavia, pur essendo pellicole di non particolare importanza per la storia del cinema, il richiamo di un film ad ore decisamente insolite bastava ed avanzava a far sì che le massaie attendessero alle faccende domestiche con più solerzia del solito e che i ragazzi lasciassero i cortili abbandonando i loro giochi, per incollarsi davanti alla televisione come se non avessero mai visto nulla di simile prima di allora. Complice in questo, almeno per Torino, la collocazione settembrina del "Programma Cinematografico", che rendeva meno spiacevole la conclusione delle vacanze e l'imminente inizio delle scuole.

CBNeas1968 ha detto...

Due cose da aggiungere alle sempre argute osservazioni di Sergio: si tentò un lancio nazionale dei Gelati Chiavacci nel 1975, abbinandoli proprio a quelli della Toseroni. Venne anzi realizzata una serie di caroselli (era il periodo in cui ormai il Radiocorriere non pubblicava più gli elenchi dei comunicati trasmessi) il cui slogan recitava "Gelati Chiavacci - Stanno coi giovani". Fu l'unico anno in cui i Chiavacci arrivarono pure in Sicilia, là dove allora abitavo.
I programmi cinematografici cessarono (credo) nel 1982: nell'ultimo periodo andarono in onda sulla Rete 3, senza più suscitare le emozioni di una volta. Ad essi subentrarono le pagine dimostrative del Televideo.