martedì 25 febbraio 2014

Sabato 24 febbraio 1962



NAZIONALE

 telescuola

 Il Ministero della Pubblica Istruzione e la RAI-Radiotelevisione Italiana
 presentano
 SCUOLA MEDIA UNIFICATA

                    Prima classe:
8,30 - 9,00   Educazione tecnica maschile
                     Prof. Attilio Castelli
9,00 - 9,30   Educazione tecnica femminile
                     Prof.ssa Egle Garrone Rossini
9,30 - 10,00  Italiano
                      Prof.ssa Fausta Monelli
10,30 - 11,00  Italiano
                        Prof.ssa Fausta Monelli
11,00 - 11,30  Latino
                        Prof. Gino Zennaro
                        (Per gli alunni delle seconde classi della Scuola Media Unificata in esperimento)
11,30 - 11,45  Educazione fisica
                        Prof. Alberto Mezzetti

 AVVIAMENTO PROFESSIONALE
 a tipo Industriale e Agrario

           Classe seconda:
13,50  Esercitazioni di lavoro e disegno tecnico 
           Prof. Nicola Di Macco
    -     Francese 
           Prof.ssa  Maria Luisa Khouri-Obeld
    -     Economia domestica
           Prof.ssa  Anna Marino
           Terza classe:
15,00  Francese 
           Prof. Torello Borriello
   -      Storia ed educazione civica
           Prof. Riccardo Loreto 
   -      Economia domestica
           Prof.ssa Bruna Bricchi Possenti 
   -      Tecnologia
           Ing. Amerigo Mei
           Regia di Marcella Curti Gialdino
   
16,20  EUROVISIONE
           Collegamento tra le reti televisive europee
           FRANCIA: Parigi
           INCONTRO DI RUGBY: FRANCIA - INGHILTERRA
           valevole per il Torneo delle Cinque Nazioni 1962
           Diretta del secondo tempo
           Telecronista Paolo Rosi
17,00  CIVITAVECCHIA: Arrivo della prima tappa del giro ciclistico di Sardegna
           Telecronista Franco Angelini
           (Cronaca registrata)

la TV dei ragazzi

17,30  MONDO D'OGGI
           Le conquiste della scienza e della tecnica
           Il radar   
           a cura di Giordano Repossi
           Partecipa in qualità di esperto il dr. Carlo Calosi, Consigliere Delegato della Società Selenia
           Presenta Rina Macrelli
           Regia di Renato Vertunni 
18,00  IL MAGNIFICO KING
           Il piccolo Willy
           Telefilm - Regia di Harry Keller
           Interpreti: Lori Martin, James Mc Allion, Arthur Space
           Distr. : N.B.C.

ritorno a casa

18,30  TELEGIORNALE
           Edizione del pomeriggio
           ed
           ESTRAZIONI DEL LOTTO
           GONG (Alka Seltzer - Extra)
18,50  Il Ministero della Pubblica Istruzione e la RAI - Radiotelevisione Italiana presentano
           NON E' MAI TROPPO TARDI
           Secondo corso di istruzione popolare
           Ins. Carlo Piantoni
19,20  TEMPO LIBERO
           Trasmissione per i lavoratori a cura di Bartolo Ciccardini e Vincenzo Incisa
           Realizzazione di Sergio Spina
19,50  TACCUINO SCIENTIFICO
           La termodinamica
           Prod. : Enciclopedia Britannica
20,00  SETTE GIORNI AL PARLAMENTO
           a cura di Jader Jacobelli
           Realizzazione di Sergio Giordani
20,20  TELEGIORNALE SPORT

ribalta accesa

20,30  TIC-TAC  (Scuola Radio Elettra - Milkana - Orsetto Bianchi - Magnesia Bisurata Aromatic)
           SEGNALE ORARIO
           TELEGIORNALE
           Edizione della sera
           Direttore Enzo Biagi
           ARCOBALENO (Oro Pilla Brandy - Sapone Palmolive - Lesso Galbani - Perugina - Esso Standard Italiana - Colombani)
           PREVISIONI DEL TEMPO
20,55  CAROSELLO
           (1) Maggiora - (2) Trim - (3) Monda Knorr - (4) Imec Biancheria
           I cortometraggi sono stati realizzati da: 1) Albo Film - 2) Paul Film - 3) Ondatelerama - 4) Ibis Film

21,05  Gorni Kramer presenta 
           ALTA FEDELTA'
           Spettacolo musicale con Lauretta Masiero
           Coreografie di Hermes Pan
           Scene di Luca Crippa
           Costumi di Maurizio Monteverde
           Testi di Leo Chiosso e Guglielmo Zucconi
           Regia di Vito Molinari
22,15  GLI STIVALI DELLE SETTE LEGHE
           La candida pista di Budda
           Distr.: Screen Gems
22,40  LE FACCE DEL PROBLEMA
           La criminalità è in aumento ?
           Partecipano al dibattito: Michele De Pietro, Benigno Di Tullio, Arturo Orvieto, Ugo Pioletti e Giuseppe Sabatini
23,05  TELEGIORNALE
           Edizione della notte

SECONDO CANALE

21,10  IL BIDONE
           Film - Regia di Federico Fellini
           Interpreti: Broderick Crawford, Giulietta Masina, Richard Basehart, Franco Fabrizi
           Prod. : Titanus
22,40  TELEGIORNALE
           Edizione del 2°
-------------------------------------------------------------------
      
Rieccoci: riaccendiamo il nostro Focolare presentandovi una Signorina Buonasera  dei tempi andati, la quale però ha fatto tante altre cose, sia prima che dopo, facendosi quindi ricordare comunque dai più. Anzi, in definitiva il ruolo di annunciatrice è stato quello da lei sostenuto per meno tempo: solo alcuni mesi, tra il 1961 e il '62. I meno giovani la avranno riconosciuta dalla fotografia: si tratta di Brunella Tocci, romana di origine calabrese, figlia di uno stimatissimo medico cosentino trasferitosi nella Capitale per ragioni di lavoro. Trampolino di lancio è il successo quale Miss Italia 1955, giusto un anno prima della collega lombarda Nives Zegna. Poi eccola a Il Musichiere in qualità di "cognatina " (cioè valletta) assieme a un'attraente adolescente di nome Marilù Tolo: al termine del leggendario telequiz canoro, ella viene dirottata a La TV degli agricoltori come presentatrice. Sembra che ci siano le credenziali giuste per lavorare come annunciatrice ma, inspiegabilmente, ecco che lì la Tocci risulta piuttosto impacciata, pur mettendocela tutta. Tuttavia non demorde e riprende a fare la presentatrice di spettacoli vari per due o tre anni ancora: poi, nel 1965, entrerà in RAI dapprima come funzionaria addetta al coordinamento generale delle varie messe in onda, quindi diventerà giornalista pubblicista e, superando un concorso interno in RAI, nel 1972 verrà assegnata al TG del pomeriggio, anche per sostituire Angela Buttiglione in maternità: ricomparirà quindi in video e otterrà un rilancio forse insperato in questa nuova veste, tanto che, nel 1976, la sempre bellissima Brunella figurerà tra i fondatori del TG 2 e, nell'autunno 1978, presenterà un programma di attualità televisiva dal titolo Dai nostri studi, che però non avrà successo (durerà solo tre mesi). In seguito continuerà con costanti e positivi risultati l'attività all'interno della redazione del notiziario, firmando sovente pezzi di costume e di cultura. Oggi, rimasta vedova ormai da una ventina d'anni dell'alto funzionario RAI di origine istriana Pio De' Berti Gambini, l'ex-Miss Italia vive in Umbria e non manca mai di far sentire la propria voce come giornalista, affidandosi assai spesso alla rete.

Con Brunella Tocci entriamo idealmente nella TV di un lontano sabato di 52 anni fa, esattamente il 24 di febbraio.

Tralasciando la Telescuola, punto fermo del palinsesto feriale nelle ore antimeridiane e del primo pomeriggio, ci sono due interessanti avvenimenti sportivi di risonanza internazionale che suscitano l'indubbia curiosità dei telespettatori. Innanzi tutto, allo stadio di Colombes presso Parigi si disputa uno degli incontri più affascinanti del classico Torneo delle Cinque Nazioni di rugby, ossia l'annuale appuntamento invernale che vede in campo le quattro nazionali del Regno Unito più la Francia: decenni dopo si aggiungerà l'Italia e la manifestazione diventerà Sei Nazioni... anche grazie a un sempre crescente amore per questa disciplina, mediato indubbiamente pure dai costanti appuntamenti televisivi che la RAI ha riservato da sempre alle partite di spicco di tale manifestazione, trasmesse in Eurovisione e commentate con ovvia competenza da un ex-giocatore di pallaovale ritenuto a lungo il miglior italiano di tutti i tempi a livello internazionale, alias Paolo Rosi.


Si affrontano la Francia, che in quel periodo sta portando avanti una ragguardevole serie di successi consecutivi proprio nell'àmbito del Cinque Nazioni, e i maestri dell'Inghilterra. Il risultato è clamoroso: i transalpini stracciano gli inglesi con un netto 13-0 e mattatore di quel giorno è Michel Crauste, che segna tre mete, mentre Pierre Albaladejo trasforma due calci piazzati. Eccovi la copertina di un periodico sportivo francese dedicata al trionfo personale di Crauste e al successo dell'intero quindici d'Oltralpe:


Dal rugby al ciclismo: l'inverno sta finendo, almeno sul calendario, e là dove i rigori della stagione fredda non sono così pesanti da subire riprende la stagione agonistica su strada. Ecco quindi il nuovo Giro di Sardegna, che però in quel 1962 parte dal Lazio con una tappa da Roma a Civitavecchia, tradizionale localita da dove ci si imbarca per raggiungere l'isola di Ichnusa. Vince la prima frazione un toscano tra i più interessanti corridori del periodo, Guido Carlesi, solitamente un passista che però i più discutono per l'incostanza dei risultati da lui ottenuti, incostanza forse dettata da troppa spontaneità di carattere:


Dopo lo sport, ecco i pupazzetti di carta che, al suono della marcetta composta da Piero Umiliani, introducono La TV dei ragazzi: s'incomincia con una trasmissione di divulgazione scientifica per i più giovani, Mondo d'oggi, e si prosegue con un telefilm nordamericano che in pratica è una versione aggiornata di Gran premio, il film uscito sul finire della Seconda Guerra Mondiale e che consacrò una ragazzina di origine britannica, una certa Elizabeth Taylor. L'edizione televisiva, che nell'originale in lingua inglese conserva il titolo della pellicola, National Velvet, da noi viene intitolata Il magnifico King (dal nome del cavallino protagonista): la stellina è qui una ragazzina californiana di nome Lori Martin. Questa che segue è la sigla di ogni episodio:

video

Lori Martin gode di una certa popolarità come giovanissima protagonista di telefilm di successo, al punto che, nel 1963, all'età di sedici anni, le verrà proposto di incidere un disco come cantante. Voce appena intonata, ma motivi furbetti tali da entrare in classifica, come questo brano dai risvolti patriottici  intitolato The home of the boy I love (God bless America):

video

Diventata adulta, la Martin abbandonerà le scene (pur se ogni tanto ritornerà come comprimaria in qualche telefilm), si sposerà e si dedicherà all'impegno sociale. Rimasta vedova nel 1999, cadrà in totale depressione e si spegnerà nel 2010, il giorno di Pasqua. 
Ricordiamo ancora la tenera Lori con il lato B di questo 45 giri da lei registrato da adolescente, Mine 'til Monday ("Mio fino a lunedì"):

video

Eccoci ora al consueto appuntamento del sabato con le Estrazioni del lotto:

BARI             79 83 84 82 22
CAGLIARI    67 46 70 42 21
FIRENZE      19 69 50 86 26
GENOVA      58 20 43 89 14
MILANO      80 21 35  8  42
NAPOLI       54 31 53 43 86
PALERMO   33 65 40 56 74
ROMA         22 38 58  2  62
TORINO     14 71 17 28 60
VENEZIA    87 47 83 89 56

Colonna vincente dell'Enalotto:

BARI                         2
CAGLIARI                2
FIRENZE                  1
GENOVA                  X
MILANO                   2
NAPOLI                    X
PALERMO                 1
ROMA                        1
TORINO                     1
VENEZIA                   2
NAPOLI 2° estratto    X
ROMA   2°  estratto    X

(Fonte: archivio storico L'Unità)

Pagina abbastanza ricca, quella dei consigli per gli acquisti vintage, divisi tra le varie, apposite rubriche. Partiamo con i due telecomunicati di Gong che ci presentano l'Alka-Seltzer (con la voce di Gino Capponi) e il detersivo Extra:

video

Da Tic-Tac traiamo la seconda parte, quella che segue il Segnale orario delle 20,30: in essa vengono decantate le virtù sia (anche con un carinissimo jingle a tempo di cha-cha-cha) di un motoscooter della Bianchi, l'Orsetto, che però nulla potrà di fronte alla spietata concorrenza di Vespa e Lambretta, sia della leggendaria Magnesia Bisurata Aromatic dagli immediati effetti (da cui l'aggettivo "bisurata", cioè "bruciata due volte"):

video

Infine eccoci a Carosello, con le disavventure di Angelino, il bambino dal proverbiale nasone ideato da Paul Campani e Max Massimino Garnier, il quale viene consolato, dopo i consueti pasticci da lui creati, non solo, come al solito, dal detersivo Super Trim, ma anche da una più quieta fidanzatina, la quale non può che chiamarsi Angelina. Il sottofondo musicale, stavolta in una versione arrangiata in chiave scat-jazz, è una volta di più la Marcia turca di Wolfgang Amadeus Mozart. Da ribadire che alcune scene di questi caroselli animati saranno riciclate alla fine degli anni '70 in Superclassifica show, il programma settimanale di musica leggera e varietà curato da Maurizio Seymandi e Pino Callà per Sorrisi e Canzoni - TV e diffuso da molte emittenti locali, e per l'occasione Angelino sarà ribattezzato Sorrisino:

video

Lo spettacolo di prima serata parte da Milano ed è giunto al suo quinto appuntamento: ne è principale protagonista il Maestro Gorni Kramer, ancora una volta mattatore dei sabati sera televisivi invernali. L'anno prima c'era stato Giardino d'inverno, in onda da Roma con la regia di Antonello Falqui e la produzione esecutiva di Guido Sacerdote; stavolta c'è Alta fedeltà, ripreso al Teatro della Fiera sotto la guida di Vito Molinari e i testi di Leo Chiosso e del giornalista Guglielmo Zucconi. 
Il titolo parla chiaro: Alta fedeltà (che, come i puristi del suono ben sanno, in inglese si abbrevia con HI - FI) è una dicitura che compare sempre più spesso sulle copertine e sulle etichette dei dischi musicali, specialmente da quando la stereofonia, nel 1958, ha incominciato a prendere piede. Quindi è inevitabile che la musica sia protagonista assoluta della trasmissione, sia pur intervallata da qualche intervento recitato assai brillante, animato da Lauretta Masiero, e dalle imitazioni di Alighiero Noschese. Tra gli ospiti fissi spicca Arturo Testa, il cantante milanese dalla voce baritonale (che infatti passerà all'opera lirica quando, alcuni anni dopo, con l'avanzare della musica pop, non avrà più lavoro nel contesto leggero), il quale ha il compito di aprire la trasmissione con un orecchiabile motivo swing intitolato Tomorrow night (cantato in italiano, nonostante il titolo inglese), grande successo allora ma dimenticatissimo oggi, mezzo secolo dopo:

video

Ospiti della puntata sono Betty Curtis, Alberto Rabagliati e, come artista straniero in un esclusivo intervento alla TV italiana, un cantante statunitense, Bobby Rydell (alias Robert Ridarelli da Filadelfia, città dalla quale proviene un gruppetto di giovani artisti italo-americani di fama ormai mondiale, come Frankie Avalon, Fabian e l'arrangiatore Peter De Angelis), il quale presenta il suo ultimo hit intitolato That old black magic:

video

Altro personaggio che non manca mai ad Alta fedeltà è Johnny Dorelli: a 25 anni appena compiuti, il crooner milanese attraversa un momento davvero particolare, non foss'altro perchè proprio durante la serie televisiva di cui stiamo parlando nasce l'amore tra lui e Lauretta Masiero... una storia che durerà appena cinque anni e che terminerà con la venuta al mondo, nel 1967, di Gianluca, oggi a propria volta uomo di spettacolo (attore, cantante e anche regista teatrale).
Alla calda e suadente voce di Giorgio Guidi non può che essere affidata la sigla finale di un varietà destinato a rappresentare l'Italia al Golden Rose Festival di Montreux, ma che i giurati internazionali riterranno sulla falsariga di Giardino d'inverno (che era arrivato secondo nel 1961) e non premieranno. Il brano s'intitola Musica mia e naturalmente è di Gorni Kramer e Leo Chiosso (con il nome d'arte di Roxybob):

video

Sul neonato (solo tre mesi e mezzo di emissioni) Secondo Canale, invece, in contrapposizione al varietà vi è da tempo l'abitudine di trasmettere al sabato sera un film d'autore, di quelli un po' più impegnativi, e spesso si pesca tra opere uscite in anni (relativamente, viste le rigide regole allora in vigore, che obbligano la messa in onda di film risalenti a non meno di un lustro prima) recenti. Viene diffuso quello che resterà forse il meno noto dei lungometraggi girati da Federico Fellini, Il bidone, in concorso senza successo alla Mostra d'Arte Cinematografica veneziana del 1955, film che punta il dito sulla vita dei truffatori, esperti, per l'appunto, in "bidoni". Qui Fellini ne presenta tre: Augusto (interpretato da Broderick Crawford - doppiato da Arnoldo Foà -), Roberto (Franco Fabrizi) e Bruno detto Picasso in quanto pittore dilettante (Richard Basehart, che parla in italiano grazie a Enrico Maria Salerno: vale la pena citare i due grandi attori-doppiatori in questa sede, essendo Foà scomparso proprio di recente, a un'età molto avanzata, mentre a giorni cadrà il ventennale della morte di Salerno).
Dopo aver ingannato due contadine inventando la storia di un falso tesoro legato a un'inesistente vittima di un delitto (il cui scheletro era stato prestamente preparato anzitempo) e arraffando cinquecentomila lire, i nostri si dividono il bottino: Picasso porta i soldi alla moglie Iris (Giulietta Masina), che ne ignora la provenienza, mentre gli altri due fanno baldoria. Vengono poi tutti invitati a una festa di Capodanno organizzata da un loro collega più fortunato, che lavora in grande. Qui Roberto tenta di rubare un portasigarette d'oro, ma viene scoperto: anche Iris comincia a convincersi che il suo Bruno non è per nulla uno stinco di santo, per cui quest'ultimo preferisce salvare capra e cavoli salutando tutti e mollando l'attività illecita. Augusto, invece, ha una figlia da mantenere di nome Patrizia (Lorella De Luca, scomparsa anch'ella nei primi giorni di questo 2014): prova ad aiutarla cominciando con lo starle accanto, anche portandola al cinema, ma è proprio all'uscita della sala che, riconosciuto da un suo ex-compare, viene alle mani con quest'ultimo e finisce in carcere. Scontata la pena, eccolo di nuovo in azione per un nuovo "bidone", ancora una volta ai danni di gente di campagna, ma in Toscana: travestitosi da sacerdote, sottrae trecentomila lire a un contadino sinchè non s'imbatte in Susanna (Sue Ellen Blake), una ragazza con gravi problemi fisici, figlia del derubato. Augusto vorrebbe desistere dal portare a termine il colpo, commosso e impietosito dalla fanciulla... non lo fa realmente, ma comunica ai suoi complici che ha rinunciato al furto proprio per un gesto di umanità. Non creduto, viene a lungo picchiato a sangue finchè non salta fuori il denaro; quindi egli viene abbandonato al proprio tragico destino.

Incominciamo a vedere il trailer de Il bidone, con la tradizionale voce di Vittorio Cramer che presenta in tre minuti il film felliniano:

video

Dal punto di vista critico, solo ultimamente un esperto tradizionalmente controcorrente e di Destra come l'emiliano Pino Farinotti ha rivalutato notevolmente quest'opera, definendola capolavoro laddove tutti gli altri cinèfili l'hanno sempre classificata minore, ma il giudizio più spassionato si deve a un anonimo francese, come evidenzia Mario Verdone (il papà di Carlo) nella monografia felliniana pubblicata poco dopo la morte del grande riminese per l'autorevole collana Il Castoro:

"Dichiara un anonimo recensore francese con una formula lapidaria, ma accettabile: 'Il bidone è I vitelloni moltiplicato per La strada. Si comincia come con una Farsa, ma si arriva ad una Passione e ad una Morte'. Altri suoi colleghi e compatrioti trovano La strada 'opera facile, civettuola, decorativa, a confronto di questo lavoro volontariamente nudo di ogni ornamento' ".
(MARIO VERDONE, in Federico Fellini, L'Arca-Editrice Il Castoro, Roma-Milano, 1995, pag. 46).

A questo punto non ci rimane che vedere una sintesi de Il bidone, ricavata dagli inserti disponibili su YouTube: immancabili le sequenze sporcate da sottotitoli inglesi (non esiste una versione in lingua - era raro che Fellini facesse girare con le testuali battute della sceneggiatura - con le vere voci di Crawford, Basehart e la Blake, cosa che da sempre dà fastidio agli appassionati d'Oltreoceano) o francesi, ad ogni modo dimostrazione della fama universale che si porta ancor oggi Federico Fellini. In Italia c'è chi lo osanna e c'è chi lo detesta imputandone una certa incomprensibilità... ma dispiace comunque che, a parte la parentesi del ventennale della sua scomparsa, caduto lo scorso autunno, il grandissimo regista riminese sia finito in un ingiusto oblìo (solo i giovani più colti ne conoscono e ne apprezzano o disprezzano i vari lungometraggi). Comunque, eccovi questa selezione da Il bidone:

video

I programmi dei due canali sono conclusi dai rispettivi notiziari (quello unico del Secondo, in onda immediatamente dopo il film, e il consueto Telegiornale della notte che precede le finali Armonie del Pianeta Saturno): è stata una giornata intensa sotto il profilo della politica interna perchè il nuovo gabinetto governativo presieduto da Matteo R... pardon, Amintore Fanfani è pronto per il giudizio del Parlamento con il voto di fiducia previsto per i primi della settimana successiva: sono stati nominati anche i sottosegretari, per cui si può varare definitivamente questo tripartito che dovrebbe condurre alla fine della terza legislatura... sono in ballo cose nuove, come l'apertura al PSI, ma per farlo bisogna essere cauti... ecco quindi il sostegno di PSDI e PRI, icone di una Sinistra più moderata.
Dispiace che non abbiamo a disposizione inserti tratti dal notiziario televisivo allora diretto dal grandissimo Enzo Biagi: ripieghiamo (come d'altronde abbiamo sempre fatto in questi post pubblicati in tempi più recenti) sul cinegiornale La Settimana Incom. La voce è quella dell'ex-lettore del TG, Riccardo Paladini:

video

Brutte notizie dall'estero: non si placano le dimostrazioni a proposito della questione algerina. Un'ennesima serie di gravi attentati rivendicati dall'OAS, gruppo paramilitare contrario all'indipendenza dalla Francia della regione nordafricana, sconvolge quest'ultima: in poche ore ben venti inermi cittadini di Algeri vengono uccisi e altrettanti cadono nel resto del territorio. Nei giorni precedenti seri disordini avevano sconvolto pure Parigi provocando purtroppo otto morti, come documentano le immagini tratte anch'esse da La Settimana Incom e sempre commentate dalla voce di Riccardo Paladini:

video

Termina così il nostro post dedicato ai programmi televisivi del 24 febbraio 1962: ci scusiamo per il leggero ritardo con cui lo licenziamo, dovuto a cause di forza maggiore. Comunque sia, parafrasando il titolo di un noto film italiano di parecchi anni fa, ricominciamo da 301 e vi ringraziamo per la cortese e affettuosa attenzione, come sempre facciamo.

A prestissimo ! ! !

CBNeas
------------------------------------------------------------------
Giovedì 13 marzo 2014, alle 17,00, presso il

MoviMente - Biblioteca Civica di Chivasso (TO)

sarà presentato il

LUNARIO DEI GIORNI DI TELE
di Cesare Borrometi
                             

  La TV degli anni d'oro come non è stata mai narrata


Con il passare degli anni crescono sempre più la nostalgia e l'interesse per la vecchia TV di qualità: appositi canali digitali, siti Internet dedicati, pubblicazioni periodiche, tanto nelle edicole quanto nei negozi specializzati; DVD contenenti, tutte o in parte, storiche trasmissioni di ieri, libri a carattere storico-rievocativo godono di un pubblico scelto, appassionato e spesso anche esigente. Eppure c’era una lacuna da colmare: un almanacco, un lunario che raccogliesse, giorno per giorno, una vasta gamma di programmi di quel periodo d’oro, dal varietà allo sceneggiato, dalla pubblicità all’informazione, dalla TV dei ragazzi al teatro e alla cultura, lo sport e via dicendo. In tutto 366 titoli, uno per ogni giorno dell’anno, scelti in base alla relativa data di trasmissione (o di inizio serie per i programmi a puntate) o ad eventi particolari atti a determinarne il successo, e corredati da schede tecniche, presentazioni e commenti. Questa lacuna viene oggi colmata da Cesare Borrometi, ideatore di una formula che senz’altro cambierà il modo di gestire la storiografia sull’argomento: fermo intendimento dell’autore è di produrre nel tempo ulteriori libri del genere, fornendo all’appassionato, allo studioso e al curioso un panorama il più possibile preciso dei giorni, dei mesi e degli anni che hanno visto sbocciare trasmissioni e personaggi di fama del “piccolo schermo" da riscoprire e rivalutare.



MEF Firenze Libri - Pagine: 330

Prezzo: Euro 29,00

Se avete già acquistato 


 Lunario dei giorni di Tele,  


 dite pure la vostra in 


risposta a questo post ! 


Se non lo avete ancora


e non potete presenziare


all'evento,


prenotatelo dal vostro 


libraio di fiducia (ve lo farà 


appositamente arrivare  


in pochi giorni)   oppure 


ordinatelo direttamente 


attraverso le librerie 


on line ! ! !






Nessun commento: