venerdì 8 novembre 2013

Martedì 26 ottobre 1982 - 3



SERA - NOTTE

RETE UNO

18,50  Chi si rivede !  ?  !
           Sandra Mondaini e Raimondo Vianello in
           SAI CHE TI DICO ?
           Varietà di Giulio Scarnicci e Raimondo Vianello
           con Iva Zanicchi, Minnie Minoprio, Gilbert Bècaud, Gianni Agus.
           Orchestra diretta da Bruno Canfora
           Coro "I Cantori Moderni" di Alessandroni
           Coreografie di Don Lurio
           Scene di Zitkowky
           Costumi di Enrico Rufini
           Regia di Antonello Falqui
           Seconda puntata
           (Replica)
19,45  ALMANACCO DEL GIORNO DOPO
           a cura di Giorgio Ponti, con la collaborazione di Flora Favilla e Diana De Feo
           CHE TEMPO FA
     -     Spazio G
           SEGNALE ORARIO
20,00  TG 1
           Direttore Albino Longhi
    -     Spazio H
20,30  Sentimento di donna - Appuntamento con Lei: sei commedie
           CASA DI BAMBOLA
           Dramma di Heinrik Ibsen
           Con Micaela Esdra, Nora Villa, Roberto Herlitzka, Giulio Bosetti, Walter Maestosi, Valeria Sabel, Italo Nardulli
           Regia di Leonardo Cortese
   -      Spazio I
22,30  TG 1
22,40  MISTER FANTASY
           Musica da vedere
           Di Paolo Giaccio
           Conducono Carlo Massarini e Mario Luzzatto Fegiz.
           Speciale Jackson Browne
           Regia di Massimo Mazzanti
23,30  LA GINNASTICA PRESCIISTICA
           Documenti
           (Dipartimento Scuola - Educazione)
    -     Spazio L
24,00  TG 1 NOTTE - OGGI AL PARLAMENTO - CHE TEMPO FA

RETE DUE

18,50  I PROFESSIONALS
           Telefilm
           Denaro sporco
           Int. : Gordon Jackson, Martin Shaw, Lewis Collins
   -      Spazio G
19,40  IL TEMPO DOMANI
19,45  TG 2 - TELEGIORNALE
           Direttore Ugo Zatterin
     -     Spazio H
20,30  UN ALTRO UOMO, UN'ALTRA DONNA
           Film - Regia di Claude Lelouch
           Int. : James Caan, Geneviève Bujold
           Distr. : United Artists
    -     Spazio I
22,35  TG 2 - STASERA
22,45  APPUNTAMENTO AL CINEMA
           I film che vedrete sul grande schermo
           a cura dell'ANICAGIS
22,55  FARSI UOMO - OLTRE LA DROGA
           La crescita in comunità terapeutica
           Un programma di Maricla Boggio
   -      Spazio L
23,45  TG 2 - STANOTTE

RETE TRE

19,00  TG 3
           Direttore Luca Di Schiena
           fino alle 19,10 informazione a diffusione nazionale; dalle 19,10 alle 19,30 informazione regione per regione
19,30  TV 3 - REGIONI
           Cultura, spettacolo, avvenimenti, costume
           (Programmi a diffusione regionale)
    -      Intervallo con
           GIANNI E PINOTTO
20,05  Educazione e regioni
           ASILI NIDO: UN LABORATORIO EUROPEO
           Dalla contestazione il modello
           A cura di Mauro Gobbini
           (Dipartimento Scuola - Educazione)
    -      Intervallo con
           GIANNI E PINOTTO
20,40  IL JAZZ: MUSICA BIANCA E NERA
           Concerto del Superstar Quintet con Freddie Hubbard
21,30  DESERTI VIVENTI
           La grande barriera corallina
           di J. Donald
22,20  25 ANNI DI FESTIVAL
           Ritagli di immagini dal Festival dei Due Mondi di Spoleto
           Regia di Filippo Massari
23,10  TG 3
           Notizie nazionali e regionali

CANALE 5

19,00  CHARLIE BROWN
           Cartoni animati
19,30  TARZAN
           Telefilm
20,30  DALLAS
           Telefilm
           L'inizio
           Int. : Steve Kanaly, Susan Howard
21,30  IL BUIO OLTRE LA SIEPE
           Film - Regia di Robert Mulligan
           Int. : Gregory Peck, Mary Badham, Phillip Alford, John Megna
23,25  VIDEO 5 (solo Lombardia)
23,30  PUGILATO
           A cura di Rino Tommasi
0,30  CELLA 23 A UN PASSO DALLA MORTE
         Film - Regia di Sthyen Wallace
         Int. : Max Phipps
2,15  HAWAII SQUADRA CINQUE ZERO
         Telefilm
         Anello della vita

RETEQUATTRO

19,30  CHARLIE'S ANGELS
           Telefilm
           Squilli d'Angelo (oppure Luci d'Arabia)
           Int. : Kate Jackson, Cheryl Ladd, Jaclyn Smith
20,30  LA FAMIGLIA BRADFORD
           Telefilm
           Corto circuito
           Int. : Dick Van Patten, Diana Hyland
21,30  MAURIZIO COSTANZO SHOW
           Interviste ed esibizioni a sorpresa in due tempi
           con Franco Bracardi al pianoforte
           Regia di Mario Conti
22,40  LA CITTA' DEGLI ANGELI
           Telefilm
           Il castello dei sogni
23,30  MI BENEDICA, PADRE !
           Telefilm 
           La campana di St. Jude's

ITALIA 1

19,30  HENRY E KIP
           Telefilm
20,00  VITA DA STREGA
           Telefilm
20,30  Il giallo del martedì
           VIOLENZA SULL'AUTOSTRADA
           Film - Regia di Jonathan Kaplan
           Int. : Jan Michael Vincent, Kay Lenz
22,30  POLIZIOTTO DI QUARTIERE
           Telefilm
           Con George Kennedy
23,30  IL TERZO SEGRETO
           Film - Regia di Charles Crichton
           Int. : Stephen Boyd, Richard Attenborough

TSI - SVIZZERA

18,50  M.A.S.H.
           Telefilm
           L'oro bianco
19,15  A CONTI FATTI
           Rubrica per i consumatori
    -     TV-SPOT
19,50  IL REGIONALE
    -     TV-SPOT
20,15  TELEGIORNALE   Edizione principale
    -      TV-SPOT
20,40  MARTEDI' SPORT
           Cronaca diretta di un incontro di hockey su ghiaccio
    -      TV-SPOT
23,15  TELEGIORNALE    3a edizione

KOPER - CAPODISTRIA

19,30  CON NOI... IN STUDIO
           Musica più 
    -      TG - PUNTO D'INCONTRO
20,15  LO SVITATO
           Film - Regia di Carlo Lizzani
           Int. : Dario Fo, Franca Rame
21,45  TG - TUTTOGGI
22,00  LA PARETE, L'ARRAMPICATA SPORTIVA
           XXX Festival internazionale del film di montagna
           Al termine: PALLACANESTRO
23,00  TG - TUTTOGGI

TMC -  MONTECARLO

19,05  SHOPPING
           Guida agli acquisti condotta da Paola Protasi
19,20  TELEMENU'
           Presenta Wilma De Angelis
19,25  OROSCOPO DI DOMANI
19,30  BOLLE DI SAPONE
           Sceneggiato
20,00  IL MIO AMICO BOTTONI
           Telefilm 
20,30  IL MISTERO DEI TRE CONTINENTI
           Film - Regia di William Dieterle
           Int. : Marta Hyer, Micheline Presle, Carlos Thompson, Gino Cervi.
22,15  L'ULTIMA CABRIOLET
           Sceneggiato con Terry King e Deborah Raffin
23,15  NOTIZIARIO
   -      OROSCOPO DI DOMANI
   -      BOLLETTINO METEOROLOGICO

A2 - FRANCIA

18,50  DES CHIFFRES ET DES LETTRES
19,20  ATTUALITA' REGIONALI
19,45  LE THEATRE DU BOUVARD
20,00  JOURNAL
20,40  MON AMI FLICKA
           da un romanzo di M. O' Hara
22,10  MARDI A LE CINEMA
-------------------------------------------------------------------------

Ultimo capitolo della nostra cavalcata TV datata 26 ottobre 1982: stavolta a fare capolino dalla consueta fotografia di repertorio è il sorriso di una bella e attraente marchigiana che inizialmente ha alternato l'attività di insegnante di ginnastica a quella di fotomodella pubblicitaria. Nel 1973 ha incominciato a fare televisione, presentando TVM '73 ("contenitore" di aggiornamento culturale destinato alle Forze Armate e ai militari di leva) assieme a Maria Rosaria Omaggio e subentrando a quest'ultima nella conduzione di Prossimamente, la rubrica domenicale di presentazione delle principali trasmissioni della settimana. Nel '75 eccola impegnata con i primi annunci in video e nel '77 la definitiva assunzione come annunciatrice, a vita. Il suo vero nome è Beatrice Cagnoni, ma ella decide di assumere un cognome d'arte, Cori, e così viene e verrà ricordata. Trasgressiva e scattante come solo una sportiva sa fare, ogni tanto la bionda di Osimo fa discutere per la scelta di alcuni abiti con un minimo di audacia (e una volta ella annuncia una partita di calcio di Italia '90  con addosso un vestitino estivo succinto al punto di abbattere quasi il confine con la decenza: scatta così l'inevitabile sanzione ai propri danni). Il destino farà il resto, impedendole di invecchiare: Beatrice morirà nel febbraio del 2000, a 57 anni, in punta di piedi. Rimarranno i filmati dei suoi annunci incisivi e tante fotografie che la ritraggono ora bamboleggiante, ora raffinata, ma sempre sorridente e bella.

Incominciamo quest'ultima parte con un revival proposto dalla Rete Uno in fascia preserale, sotto l'ègida Chi si rivede ! ? ! Qui giunge in soccorso la nostra memoria, anche perchè i quotidiani consultabili ne sono ignari: impreviste esigenze di programmazione hanno fatto slittare a mercoledì 27 l'inizio delle repliche di Stasera niente di nuovo, ossia quello che poi rimarrà l'ultimo spettacolo realizzato per la RAI dalla coppia Sandra Mondaini - Raimondo Vianello. Rimangono quindi scoperte due serate, le quali vengono riempite con le prime due puntate di Sai che ti dico ?, il varietà trasmesso la prima volta a inizio 1972, firmato da Antonello Falqui ma in realtà diretto dallo stesso Vianello, in collaborazione con Giulio Scarnicci. E' un piccolo gioiello di vera satira sociale e di costume, senza partigianerie ideologiche di sorta, in cui, in fondo, come specificava il primo titolo dato a tale spettacolo, "c'è poco da ridere" e molto da pensare. Ecco che Vianello sperimenta l'idea di sviluppare le varie scenette ruotando attorno a un tema che cambia di settimana in settimana, sorretto non solo dalla Mondaini, ma anche da Gianni Agus. Iva Zanicchi e Minnie Minoprio riempiono gli intervalli tra uno sketch e l'altro, mentre negli ultimi minuti dello spettacolo si esibisce nientemeno che Gilbert Becaud, il grandissimo pianista, cantante e autore francese di motivi di successo (Et maintenant primo fra tutti). E poi c'è la sigla finale, con Raimondo-tedoforo olimpico e con gag conclusiva che cambia ogni volta.

Ordunque, godiamoci assieme questa replica (inserita nella programmazione del 26 ottobre 1982 in modo clandestino) della seconda puntata di Sai che ti dico ?, che nella produzione di Antonello Falqui (al quale facciamo tanti auguri in quanto ha compiuto in questi giorni 88 anni) si considera come lo spettacolo più impersonale: evidentemente il regista romano, che comunque mostrerà stima e affetto per Sandra e Raimondo sino alla fine dei loro giorni, fa fatica a ritrovarsi in un varietà strutturato come vuole Vianello e non lavorerà più con lui e consorte (ci sarà una rottura artistica). Due le scenette imperdibili, basate entrambe sull'argomento della puntata, la tecnologia: la parodia della Vita di Leonardo da Vinci televisiva (con Gianni Agus) e la Mondaini-neonata golosa di tagliatelle raccomandate dalla pubblicità (per l'occasione, a fare da genitori sono la Zanicchi e Vianello). Ad ogni modo, buona visione e soprattutto buon divertimento ! ! !

video
video
video

Al revival della Rete Uno si contrappone sulla Rete Due un telefilm inglese d'azione che non dispiace di certo al nostro pubblico, I professionals:

video

Su Canale 5 vanno invece in onda alcuni episodi animati (alcuni dei quali inediti per l'Italia) dedicati ai Peanuts di Charles Schulz, quindi l'amatissima banda di scatenati bambini dalla particolare filosofia che li contraddistingue (naturalmente Charlie Brown, Lucy e Linus, Piperita Patty, Schroeder, Marcie e ovviamente il personaggio più famoso di tutti, il cane bracco Snoopy e le sue molteplici metamorfosi, la più nota delle quali è quella di Joe Falchetto, versione canina del tipico studente da campus anni Sessanta). L'episodio da noi arbitrariamente scelto (non ci sono notizie precise su cosa venne mandato effettivamente in onda da Canale 5 quella sera) venne presentato negli States l'anno prima e s'intitola in italiano E' magia, Charlie Brown (il doppiaggio risale però alla fine degli Ottanta e si segnala per la voce adulta che fa parlare in italiano il complessato figlio di barbiere: anzichè affidarsi a donne per creare l'effetto infantile, qui è un uomo fatto, l'attore, musicista e scrittore veneto Martino Cònsoli, che anima vocalmente il protagonista principale dei Peanuts):

video

A Charlie Brown segue (sempre sulla rete del biscione) un adattamento televisivo delle avventure di Tarzan, l'uomo-scimmia creato a suo tempo dallo scrittore nordamericano Edgar Rice Burroughs, una versione risalente alla fine degli anni Sessanta (l'episodio da noi trovato andò in prima visione televisiva assoluta sulla NBC il Venerdì Santo del 1967) in cui il protagonista è il non molto noto Ron Ely:

video

Il preserale di Retequattro è invece appannaggio delle Charlie's Angels, le quali stasera devono risolvere un caso che coinvolge delle malcapitate ragazze:

video

Su Italia 1 va invece in onda un episodio di Henry e Kip ("Bosom Buddies") una sitcom che ha avuto in tempi recenti un certo successo negli States e che sarà ricordata dai posteri quale definitivo trampolino di lancio per un attore che al cinema dapprima proseguirà con successo nei ruoli brillanti, ma in seguito sfonderà come protagonista di film drammatici ("Philadelphia" e "Forrest Gump" primi tra tutti): Tom Hanks. Con lui c'è Peter Scolari: insieme essi impersonano due pubblicitari californiani che devono fingersi donne avendo trovato un appartamento all'interno di un residence abitato solo da ragazze e signore.
Montando gli inserti di Bosom Buddies presenti su YouTube non potevamo dimenticare l'intervento di una giovane Rita Wilson, ossia colei la quale sposerà molto più tardi proprio Tom Hanks:

video

Anche su TMC si aspetta la sera in allegria con la messa in onda di un telefilm che è una parodia delle soap operas: gli argomenti enfatizzati con tutta la loro drammaticità nei teleromanzi d'appendice vengono qui volti e stravolti in chiave comica, con risultati assai divertenti (non a caso vi partecipano alcuni attori che avevano in passato legato nome, voce e volto agli sceneggiati seri). Il titolo originale è Soap, che in italiano diventa Bolle di sapone. Anche qui vi proponiamo un montaggio di alcune sequenze reperite in rete, purtroppo tutte in lingua angloamericana:

video

Sin dall'inizio delle proprie regolari trasmissioni, la Rete Tre ha sempre trovato degli interessanti riempitivi da trasmettere in attesa che si ristabilisca il collegamento nazionale dopo le trasmissioni dei notiziari regionali o delle rubriche regionali. Si è trattato per lo più di cartoni animati, come una gustosa rivisitazione, sempre ad opera dello studio di Hanna e Barbera, della coppia comica Abbott and Costello, cioè Gianni e Pinotto per noi italiani. Una volta tanto, su YouTube ci sono le versioni nella nostra lingua di questi cartoni (ghiotta opportunità per riascoltare la voce del compianto Gino Pagnani, che qui doppia Pinotto impeccabilmente), per cui eccovi l'episodio dal titolo Il figlio di Kong:

video

Ancora divertimento e distensione assicurati su Italia 1 con Vita da strega:

video

Film particolare su Capodistria: va in onda Lo svitato, brillante pellicola imperniata su Dario Fo e le sue splendide doti di mimo (l'impegno sociale e politico è ancora lontano: è un lungometraggio di metà anni '50). Accanto a Fo l'inseparabile Franca Rame: la regia è di Carlo Lizzani, entrambi scomparsi quest'anno (la Rame per malattia; Lizzani, come tre anni fa Mario Monicelli, ha sentito il peso della difficoltà di affrontare la vecchiaia con il tormento ossessivo di aver dato ormai tutto e di non riuscire a dare più niente... la senescenza in ottima salute fisica, ma con un oscuro male psicologico che alla fine prevale...). Anche qui vi presentiamo un rapido riassunto delle sequenze più importanti:

video

Eccoci giunti agli appuntamenti di prima serata delle emittenti italiane propriamente dette: la Rete Uno cerca di ridare vigore a un genere che fino a cinque-sei anni prima era sempre il benvenuto e che invece sta attraversando una fase discendente che alla fine, malgrè lui, risulterà inarrestabile, ossia il teatro di prosa. Quella sera in particolare va in onda un'ambiziosa e assai valida versione del dramma di Heinrik Ibsen Casa di bambola, forse uno dei primi lavori squisitamente femministi calati in un contesto drammaturgico, per l'occasione prima trasmissione di un ciclo di sei pièces dedicate alla donna. Il ruolo di Nora è ricoperto da Micaela Esdra e bisogna dire che pubblico e critica sono d'accordo nel decretarne il successo: resta però solo da capire il perchè questa edizione televisiva a colori sia stata a tutt'oggi (2013) ritrasmessa molto meno rispetto a quella gloriosa in bianco e nero del 1968 con Giulia Lazzarini. Eppure il filmato in Mediateca è regolarmente schedato e visibile... mah, i soliti misteri della RAI-Radiotelevisione Italiana...

Sulla Rete Due viene invece trasmesso il film americano di Claude Lelouch, il cineasta transalpino che ha conquistato il mondo con una serie di pellicole sentimentali che hanno comunque il pregio di puntare molto su dinamiche scelte registiche e su sceneggiature tutt'altro che scontate: Un uomo, una donna e Vivere per vivere, lungometraggi usciti nel giro di un anno - 1966-'67 - piacquero molto anche nei difficilmente accessibili, per opere in lingua straniera, Stati Uniti, per cui era naturale che, un giorno o l'altro, visti gli ottimi rapporti con la United Artists, casa madre della francese Les Artistes Associès, si potesse giungere a una coproduzione franco-americana. Ecco quindi, dieci anni dopo i succitati capolavori, Un autre homme, un autre chance, storia ambientata nell'Ottocento che parte dalle vite parallele (spesso e volentieri scandite dalle prime battute della Quinta di Beethoven) di una coppia francese che, a causa delle conseguenze della guerra franco-prussiana, decide di emigrare nel Nuovo Mondo, e di un veterinario dell'Arizona, pochi anni dopo la conclusione della guerra civile statunitense. Dopo una serie di vicissitudini, anche tragiche...

Il film viene girato quasi tutto in inglese (e i dialoghi in francese sono sottotitolati, appunto, in inglese, particolare che si nota nella versione distribuita quasi ovunque, esclusi i paesi francofoni), anche per ovvi motivi di ambientazione: Lelouch preferisce puntare quindi su un'attrice praticamente bilingue, non foss'altro perchè canadese, ossia Geneviève Bujold, affiancata da un vero yankee come James Caan, newyorkese dalle lontane origini tedesche. Non essendo più programmato dalle televisioni da un po' di tempo, almeno qui da noi, siamo veramente lieti di mostrarvi, per intero e in versione italiana, Un altro uomo, un'altra donna (titolo italiano che strizza l'occhio, ovviamente, al maggior successo di Lelouch). Buona visione ! ! !

video
video
  video
video
video

Abbiamo trovato anche un breve inserto in versione originale: la scena della piccola lezione di francese che Jeanne - Geneviève Bujold impartisce a David - James Caan, con quest'ultimo che prova poi a dire qualche parola nell'idioma di Molière. Qui, a differenza del film che avete visto sopra, non ci sono sottotitoli in alcuna lingua (evidentemente si tratta di un recente restauro della pellicola e le scritte sono sempre l'ultimo dei problemi...):

video

Chi ritiene il dramma di Ibsen e il film di Lelouch troppo "pesanti" può comunque rifarsi sulle emittenti private, in particolare su Canale 5, che quella sera programma un nuovo episodio della serie che, dopo una prima messa in onda sulla Rete Uno della RAI risultata poi confusionaria e comunque non apprezzata più di tanto dal pubblico, sta finalmente trovando anche in Italia il successo, coinvolgendo tra i tanti anche insospettabili telespettatori come Giulio Andreotti (il quale, l'anno dopo, in un'intervista radiofonica rilasciata al Prof. Pier Francesco Listri, dichiarerà testualmente, con l'inconfondibile accento da gatto di Roma: "Confesso che sarò un uomo medio, ma a me ad esempio "Dallas" piace moltissimo").
Eh, già ! Chi l'avrebbe mai detto... Andreotti accanito fan dei misfatti di J.R. e dei problemi di Sue Ellen ? Comunque sia, la puntata di Dallas di quella sera s'intitola "L'inizio" e noi ve ne mostriamo, in lingua originale con sottotitoli rumeni, una rapidissima sintesi, preceduta dalla sigla universalmente nota del telefilm e seguita dal motivo conduttore scritto solo per l'Italia da Augusto Martelli e cantato da un certo Lou Ciaramitaro:

video

Ci emozioniamo tanto nel rivedere questa sigla dalla musica elettronica e martellante...

video

Già...la prima, mitica sigla di Retequattro, emittente nelle mani di Mario Formenton e della Mondadori, che in prima serata diffonde un nuovo episodio de La famiglia Bradford, serie che, come Dallas, aveva debuttato in Italia con scarso successo sulla Rete Uno, intitolata Otto bastano (sulla scia dell'originale "Eight is enough"). Pure in questo caso, la messa in onda per conto di una rete privata determina un rilancio totale dell'intero ciclo di telefilm, cosicchè diventa familiare anche ai nostri telespettatori la canzone-sigla dei titoli di testa di ogni puntata:

video

--------------------------------------------------------------------------------------------------------

Di Casa di bambola e
La famiglia Bradford (Otto bastano)  si parla in



LUNARIO DEI GIORNI DI TELE
di Cesare Borrometi
                             

  La TV degli anni d'oro come non è stata mai narrata




Con il passare degli anni crescono sempre più la nostalgia e l'interesse per la vecchia TV di qualità: appositi canali digitali, siti Internet dedicati, pubblicazioni periodiche, tanto nelle edicole quanto nei negozi specializzati; DVD contenenti, tutte o in parte, storiche trasmissioni di ieri, libri a carattere storico-rievocativo godono di un pubblico scelto, appassionato e spesso anche esigente. Eppure c’era una lacuna da colmare: un almanacco, un lunario che raccogliesse, giorno per giorno, una vasta gamma di programmi di quel periodo d’oro, dal varietà allo sceneggiato, dalla pubblicità all’informazione, dalla TV dei ragazzi al teatro e alla cultura, lo sport e via dicendo. In tutto 366 titoli, uno per ogni giorno dell’anno, scelti in base alla relativa data di trasmissione (o di inizio serie per i programmi a puntate) o ad eventi particolari atti a determinarne il successo, e corredati da schede tecniche, presentazioni e commenti. Questa lacuna viene oggi colmata da Cesare Borrometi, ideatore di una formula che senz’altro cambierà il modo di gestire la storiografia sull’argomento: fermo intendimento dell’autore è di produrre nel tempo ulteriori libri del genere, fornendo all’appassionato, allo studioso e al curioso un panorama il più possibile preciso dei giorni, dei mesi e degli anni che hanno visto sbocciare trasmissioni e personaggi di fama del “piccolo schermo" da riscoprire e rivalutare.



MEF Firenze Libri - Pagine: 330

Prezzo: Euro 29,00




Se avete già acquistato 


 Lunario dei giorni di Tele,  


 dite pure la vostra in 


risposta a questo post ! 


Se non lo avete ancora,


prenotatelo dal vostro 


libraio di fiducia (ve lo farà 


appositamente arrivare  


in pochi giorni)   oppure 


ordinatelo direttamente 


attraverso le librerie 

on line ! ! !
 ------------------------------------------------------------------------------

Dal telefilm al film con la proposta di Italia 1 per il "prime time", un dramma sociale che assume contorni gialli: s'intitola Violenza sull'autostrada ("White Line Fever"), per la regia di Jonathan Kaplan, e prende le mosse dal matrimonio di una coppia statunitense la quale decide di mettersi a lavorare per necessità. La moglie (Kay Lenz) entra in un'industria alimentare e viene sfruttata fino all'inverosimile (tutto il mondo è paese, purtroppo), mentre il marito (Jan-Michael Vincent) diventa camionista pagando a rate il proprio truck... e incominciano da qui guai assai seri, come ben sintetizza il trailer originale:

video

Si arriva a un finale assai spettacolare nella sua tragicità:

video

Un curioso film, coproduzione europea (italo-franco-tedesca) diretta dal regista tedesco naturalizzato statunitense Dieterle, racconta degli strani esperimenti di uno scienziato svedese (interpretato da Gino Cervi), il quale scopre una reazione nucleare in grado di sviluppare un'energia incredibile: si tratta de Il mistero dei tre continenti, trasmesso da TMC. Ve ne offriamo una sintesi:

video

Adesso facciamo un po' di jazz con il Superstar Quintet, riunione di cinque grandissimi jazzisti (il trombettista Freddie Hubbard, il sassofonista Joe Henderson, il pianista Kenny Baron, il bassista Ron Carter e il batterista Tony Williams), ripresi durante una loro esibizione italiana, esattamente a Roma, il 9 luglio del 1982: non potevano mancare le telecamere della RAI, vista la particolarità dell'evento, e difatti la Rete Tre manda in onda quella sera, dopo tre mesi e mezzo, la registrazione del concerto. Strepitoso questo assolo di Williams:

video

Dopo Dallas, Canale 5 mette in onda una delle interpretazioni più belle e persuasive di Gregory Peck, protagonista de Il buio oltre la siepe ("To kill a mockingbird"), un film del 1962 vincitore di tre Oscar (miglior attore protagonista, miglior sceneggiatura e miglior scenografia) che lo vede nei panni di un avvocato dell'Alabama, Mister Atticus Finch, il quale tenta di difendere un ragazzo di colore, Tom Robinson, accusato da un agricoltore bianco di aver usato violenza carnale nei confronti della figlia. L'arringa, in cui Finch mostra un'apertura mentale assai insolita per un ambiente tradizionalmente chiuso e razzista, non persuade la giuria e la colpevolezza del Robinson è confermata. Il negro tenta di evadere, ma un secondino lo ammazza. Un ruolo importante nella vicenda è comunque assunto da Bob Radley, un uomo mentalmente disturbato che abita in una villa solitaria ribattezzata dai figli di Finch "la casa degli spettri", il quale ucciderà il crudele accusatore non appena quest'ultimo aggredisce i malcapitati figlioletti dell'avvocato.
Nel trailer originale destinato agli spettatori nordamericani, è lo stesso Gregory Peck a spiegare il senso di un soggetto così particolare:

video

Scrive Morando Morandini: "...accosta con sagacia il tema dell'intolleranza razziale con gli incubi dell'infanzia, un film coraggioso e fine nel disegno psicologico dei personaggi". D'altronde l'Alabama rimane ancor oggi uno degli stati dell'Unione Nordamericana in cui l'arretratezza mentale sopravvive, ma certamente più per tradizione che per analfabetismo di ritorno (in questo caso, ogni riferimento a una certa penisola dell'Europa Centrale che, tra tanti, troppi sbagli politici, se non altro recentemente ha avuto il meritorio coraggio di nominare una dentista emiliana originaria del Congo come responsabile di un dicastero governativo e che solo per le proprie ascendenze africane è da allora oggetto di vergognosi lazzi e cachinni è voluto... comunque lasciamo perdere).

Abbiamo assemblato e montato tutto ciò che de Il buio oltre la siepe si trova attualmente su YouTube, in modo da farne una sintesi essenziale di una mezz'oretta:

video

Da un impegnativo e valido film dal meritato successo a uno sceneggiato televisivo (anche questo statunitense) che racconta la storia di cinque studenti dell'Università di Harvard dalla vigilia di Pearl Harbour alla guerra del Vietnam... praticamente trent'anni di vita americana. Già trasmesso dalla RAI, L'ultima cabriolet viene replicato da TMC. Tra gli interpreti principali spicca Shawn Stevens, che presto però abbandona l'attività nel mondo dello spettacolo per dedicarsi al ruolo di ministro del culto mormone; Deborah Raffin, invece, è purtroppo morta pochi anni fa:

video

Su Italia 1 ecco in seconda serata un nuovo episodio della serie Poliziotto di quartiere (in inglese "The blue knight", cioè "Il cavaliere blu")  la quale, pur non avendo un successo particolare da noi, ha se non altro il merito di far conoscere bene una professione assai comune in molti stati dell'Unione Nordamericana (in questo caso la California) e che molto tempo dopo, in sordina, comincerà a vedersi anche in Italia. Protagonista è George Kennedy, nel ruolo di Bumper Morgan: sigla ! ! !

video

A proposito di California, a uno degli artisti più amati della musica pop-rock espressa dalla West Coast è dedicata la prima puntata del terzo ciclo di un programma molto amato dai giovani fruitori più attenti di un certo tipo di musica, Mister Fantasy, di Paolo Giaccio e soprattutto Carlo Massarini: ebbene, per una volta a Mister Fantasy-Massarini si contrappone Mr. Real - Jackson Browne. I due si sono incontrati nella precedente estate, durante la tournèe italiana del cantautore californiano, e, grazie all'ottima padronanza dell'inglese da parte del presentatore ligure vissuto a lungo in Canada, è nato un film-intervista assai interessante, purtroppo però oggi introvabile in rete. Questo però non ci impedisce di riascoltare in versione discografica un paio di pezzi tra i più noti di un artista mai banale, che ha sempre composto ballate in grado di affrontare tematiche sociali assai importanti, come per esempio l'ecologia e l'ambiente (per cui una volta si è fatto anche arrestare a seguito di una manifestazione da lui caldeggiata) in questa Before the deluge:

video

All'epoca della trasmissione in questione, la canzone di maggior successo è Somebody's baby, parentesi distensiva e spensierata per Jackson Browne, che incide questo motivo conduttore del film Fuori di testa:

video

Incomincia poi a farsi notte e, mentre la RAI chiude entro mezzanotte e mezza le proprie trasmissioni, i networks privati vanno invece avanti fino a tardi, anche con scelte interessanti. E' il caso di Italia 1, che ripesca un film inglese degli anni Sessanta che mischia dramma psicologico e thrilling, Il terzo segreto, l'indagine del paziente di uno psicanalista sulla morte improvvisa di quest'ultimo... suicidio o cos'altro ? Questo è l'interrogativo cui si lega, per l'appunto, Il terzo segreto, di cui vi proponiamo il trailer originale, presentato dallo stesso attore protagonista, il nordirlandese Stephen Boyd:

video

Eccovene invece una scena tenera e drammatica a un tempo, con il protagonista a colloquio con la giovane figlia del dottore morto, impersonata da Pamela Franklin:

video

Siamo così giunti alla fine del nostro lungo viaggio nella TV del 26 ottobre 1982. Abbiamo smaltito parecchio materiale, ma siamo convinti di essere riusciti a rallegrare soprattutto gli under 50, che hanno qui ritrovato molti cimeli televisivi legati all'adolescenza, per non parlare dell'infanzia. Non ci resta che ringraziare tutti voi per la cortese attenzione, dandovi appuntamento alla prossima volta. Cosa sta bollendo in pentola ? Radio o TV ?  Non sappiamo ancora dirvelo: lo scoprirete solo qui, riaccendendo l'unico e inimitabile Focolare-Radio TV che da quasi quattro anni storicizza i palinsesti radiotelevisivi nel modo più ragionato possibile.

Un caro saluto dal vostro amico telenostalgico

CBNeas

Nessun commento: