martedì 18 settembre 2012

Sabato 18 settembre 1976 (Radio)





RADIOUNO

6,00  SEGNALE ORARIO
   -     MATTUTINO MUSICALE
         Brani di Schumann, Wolf-Ferrari, Suk e Offenbach
6,25  ALMANACCO
    -    Un patrono al giorno, di Piero Bargellini
    -    Un minuto per te, di Padre Gabriele Adani
6,30  LA MELARANCIA
         Un programma di Claudio Novelli condotto da Sergio Cossa
         (I parte)
7,00  GR 1
         Prima edizione
7,15  LA MELARANCIA
         (II parte)

                    Per il Friuli - Venezia Giulia e la Sicilia
7,30 - 7,45  GAZZETTINI REGIONALI

8,00  GR 1
         Seconda edizione
         Direttore Sergio Zavoli
   -     Edicola del GR 1
          Cosa scrivono oggi i giornali
8,30  LE CANZONI DEL MATTINO
         Io vorrei... non vorrei... ma se vuoi... (Lucio Battisti) - Un fiume amaro (Iva Zanicchi) - Sambariò (Drupi) - Non sai fare l'amore (Ornella Vanoni) - Senza fine (Gino Paoli) - Margherita (Riccardo Cocciante) - Quasi quasi (I Nomadi) - Tutto è facile (Gilda Giuliani) - Smile (Pino Presti)
9,00  VOI ED IO
          Un programma musicale in compagnia di Franco Interlenghi
11,00  VISI PALLIDI
           Improvvisamente l'estate in corso vista da Leo Chiosso e Sergio D'Ottavi
           Regia di Claudio Sestieri
12,00  GR 1
           Terza edizione
12,10  NASTRO DI PARTENZA
           Musica leggera in anteprima presentata da Gianni Meccia
           Un programma di Luigi Grillo
13,00  GR 1
           Quarta edizione
13,20  LA CORRIDA
           Dilettanti allo sbaraglio presentati da Corrado
           Complesso diretto da Roberto Pregadio
           Regia di Riccardo Mantoni
14,00  ORAZIO
           Quasi quotidiano di satira e costume
           condotto da Gianni Bonagura
           Complesso diretto da Franco Goldani
           Realizzazione di Dino De Palma
15,00  TICKET
           Attualità di turismo, sport e spettacolo
           Un programma di Osvaldo Bevilacqua
           condotto da Marcello Casco
           Regia di Umberto Orti
15,30  INTERVALLO MUSICALE
15,40  Johnny Dorelli presenta
           GRAN VARIETA'
           Spettacolo di Amurri e Verde
           con la partecipazione di Gino Bramieri, Mina, Catherine Spaak, Gianrico Tedeschi, Monica Vitti.
           Orchestra diretta da Marcello De Martino
           Regia di Federico Sanguigni
           (Replica da Radiodue)

           Per il Friuli - Venezia Giulia
15,10  GETTONI PER LE VACANZE
           Programma con la collaborazione di ospiti e turisti nella Regione
           Presentano Francesco Giannelli e Caterina Gaggero
16,20  FOGLI STACCATI
           Nuovi scrittori friulani presentati da Paolo Stefanato
16,35 - 17,00  CORO CJANTE CHE TI PASSE  DI PASSONS
                        diretto da Franco Dominutti

17,00  GR 1
           Quinta edizione
17,05  ESTRAZIONI DEL LOTTO
17,10  ORE 17: PARLIAMO DI MUSICA
           a cura di Guido Turchi
18,00  MUSICA IN
           Presentano Antonella Giampaoli, Sergio Leonardi, Solforio
           Regia di Antonio Marrapodi
19,00  GR 1 SERA - Sesta edizione
19,15  ASCOLTA, SI FA SERA
19,20  SUI NOSTRI MERCATI
19,30  INTERVALLO MUSICALE
19,40  QUANDO LA GENTE CANTA
           Musiche e interpreti del folk italiano presentati da Otello Profazio
           Questa sera: I cantastorie di Pavia

           Per il Trentino - Alto Adige
19,15  GAZZETTINO DEL TRENTINO - ALTO ADIGE
19,30 - 19,45  MICROFONO SUL TRENTINO
                        Domani sport
                       Per il Friuli - Venezia Giulia
19,30 - 19,45  CRONACHE DEL LAVORO E DELL'ECONOMIA NEL FRIULI - VENEZIA GIULIA e GAZZETTINO DEL FRIULI - VENEZIA GIULIA
          Per la Sardegna
19,30  ANDAR PER FUNGHI
           ovvero Alla scoperta delle bellezze caratteristiche dell'isola
           a cura di G. Porcu
19,45 - 20,00  GAZZETTINO SARDO, edizione serale
                        Per la Sicilia
19,30 - 20,00  IL GAZZETTINO DI SICILIA, 4a edizione

20,10  XIX FESTIVAL DEI DUE MONDI DI SPOLETO
           THE RAPE OF LUCRETIA
           (Lucrezia violata)
           Opera di Benjamin Britten
           (Registrazione effettuata il 6 luglio 1976 al Teatro Caio Melisso)
           Nell'intervallo (ore 21,00 circa):
           GR 1 - Settima edizione
22,15  LA TROMBA DI EDDIE CALVERT
22,30  LE NUOVE CANZONI ITALIANE
           (Concorso UNCLA 1976)
23,00  GR 1 - Ultima edizione
    -      I PROGRAMMI DI DOMANI
    -      BUONANOTTE
           Al termine: CHIUSURA

RADIODUE

6,00  LE MUSICHE DEL MATTINO
         (I parte)
         Nell'intervallo: BOLLETTINO DEL MARE
         (ore 6,30): GR 2 - NOTIZIE DI RADIOMATTINO
7,30  GR 2 - RADIOMATTINO
         Direttore Gustavo Selva
         Al termine: BUON VIAGGIO
7,50  LE MUSICHE DEL MATTINO
         (II parte)
8,30  GR 2 - RADIOMATTINO
8,45  PER NOI ADULTI
         Canzoni scelte e presentate da Carlo Loffredo con Gisella Sofio e Lori Randi
         Realizzazione di Enrico Di Paolo
9,30  GR 2 - DA MILANO
9,35  UNA COMMEDIA IN TRENTA MINUTI
         ROXY
         di Barry Conners
         Adattamento radiofonico di Chiara Serino
         con Marina Malfatti
         Regia di Umberto Benedetto
10,05  CANZONI PER TUTTI
           Fiume azzurro (Mina) - ...E niente (Gabriella Ferri) - No woman, no cry (Bob Marley e The Wailers) - Margherita (Riccardo Cocciante) - Smile (Diana Ross) - Sassi (Gino Paoli)
10,30  GR 2 - REGIONI
10,35  BATTO QUATTRO
           Varietà musicale di Terzoli e Vaime
            presentato da Gino Bramieri
           Orchestra diretta da Franco Cassano
           Regia di Pino Gilioli
11,30  GR 2 - DA NAPOLI
11,35  CANTANO I BULLDOG
11,50  CORI DA TUTTO IL MONDO
           a cura di Enzo Bonagura
12,10  TRASMISSIONI REGIONALI
12,30  GR 2 - RADIOGIORNO
12,40  ALTO GRADIMENTO
           di Renzo Arbore e Gianni Boncompagni, con la partecipazione di Giorgio Bracardi e Mario Marenco
13,30  GR 2 - RADIOGIORNO
13,35  Paolo Villaggio presenta:
           DOLCEMENTE MOSTRUOSO
           Regia di Orazio Gavioli
           (Replica)
14,00  SU DI GIRI
           (Escluse Lazio, Umbria, Puglia e Basilicata che trasmettono notiziari regionali)
           Meglio libera (Loredana Bertè) - Rythmo tropical (Chocolat's) - La mia musica (Schola Cantorum) - Dimme perchè (Daniela Davoli) - Dolcemente bambina (Santino Rocchetti) et al.
14,30  TRASMISSIONI REGIONALI
15,00  C'ERA UNA VOLTA SAINT-GERMAIN-DES-PRES

                       Per il Trentino - Alto Adige
15,10 - 15,30  PICCOLA STORIA DELL'EMIGRAZIONE TRENTINA
           Per la Sardegna
15,00  COMPLESSI ISOLANI
15,20 - 16,00  RIPARLIAMONE
                       Panoramica sui nostri programmi
           Per la Sicilia
15,05  IL PROGRAMMINO
           Radiofantasia di Franco Capitano e Mario Gazziano
           con Brunetta De Lorenzo, Francesco Catalano, Giovanni Moscato e Giuseppe Crapanzano
           Esecuzioni musicali di Antonio Migliaccio e Giovanni Guggino
15,30 - 16,00  MUSICA LEGGERA

15,30  GR 2 - ECONOMIA
           BOLLETTINO DEL MARE
15,40  ESTATE ROMANTICA
           Musiche di Chabrier, Debussy, Dukas, Mendelssohn, Beethoven, Paganini, Rachmaninoff
16,30  GR 2 - PER I RAGAZZI
16,35  CRAZY
           Un programma con Ronnie Jones
17,25  ESTRAZIONI DEL LOTTO
17,30  SPECIALE RADIO 2
17,50  KITSCH
           Una trasmissione condotta e diretta da Luciano Salce
           Prodotta da Guido Sacerdote
           con Sergio Corbucci, Anna Mazzamauro, Wanda Osiris, Franco Rosi
           Musiche di Guido e Maurizio De Angelis
           (Replica)
           Nell'intervallo (ore 18,30):
           GR 2 - NOTIZIE DI RADIOSERA
19,05  DETTO INTER NOS
           Un programma presentato da Marina Como
           Realizzazione di Bruno Perna
19,30  GR 2 - RADIOSERA
19,55  SUPERSONIC
           Dischi a mach due
21,19  CANTA MARCEL AMONT
21,29  Massimo Villa
           presenta
           POPOFF
           Musica, ospiti e servizi in diretta con gli ascoltatori
22,30  GR 2 - RADIONOTTE
           BOLLETTINO DEL MARE
22,50  MUSICA NIGHT
23,29  CHIUSURA
23,31 - 5,57  NOTTURNO ITALIANO

RADIOTRE

7,00  QUOTIDIANA-RADIOTRE
         Programma sperimentale di apertura della rete. Novanta minuti in diretta di musica guidata, lettura commentata dei giornali del mattino (il giornalista di questa settimana: Miriam Mafai), collegamenti con le Sedi regionali (SUCCEDE IN ITALIA)
    -    Nell'intervallo (ore 7,30):
         GIORNALE RADIOTRE
8,30  CONCERTO DI APERTURA
         Musiche di Schumann e Paganini

                   Per la Campania
8,00 - 9,00  GOOD MORNING FROM NAPLES
                    Trasmissione in inglese per il personale della NATO

9,30  Georg Friedrich Haendel
         TE DEUM
         per soli, coro e orchestra
10,10  SPAZIO TRE
           Settimanale di informazioni sulle lettere, le arti, la musica e lo spettacolo
           (Replica)
11,00  INTERVALLO MUSICALE
11,10  SE NE PARLA OGGI
           Notizie e commenti del Giornale Radiotre
11,15  INTERMEZZO
           Musiche di Gluck, Beethoven, Bartok
12,15  PAGINE PIANISTICHE DI CLAUDE DEBUSSY
12,45  CIVILTA' MUSICALI EUROPEE: LA CECOSLOVACCHIA
           Brani di Kozeluch e Smetana
13,45  GIORNALE RADIOTRE
14,15  LA MUSICA NEL TEMPO
           IL BOZZETTO DELLA DOMENICA
           di Sergio Martinotti
           Brani di Chabrier, Grieg, Delius, Reger, Liszt, Janacek, Rinaldi e Malipiero
15,45  INTERPRETI ALLA RADIO
           Il Trio di Trieste esegue Ives
16,15  Italia domanda
           COME E PERCHE'
16,30  FOGLI D'ALBUM
16,45  OGGI E DOMANI
           Incontro bisettimanale con i giovani animato da Grazia Fallucchi e Augusto Veroni
           Realizzazione di Ninì Perno
           (I parte)
17,30  Gino Castaldo presenta:
           JAZZ GIORNALE
18,00  VITA ROMANTICA DEL VALZER PER PIANOFORTE
           di Piero Rattalino
           Tod und Verklarung
18,45  TIRIAMO LE SOMME
           La settimana economico - finanziaria
19,00  GIORNALE RADIOTRE
19,30  Dall'Auditorium della RAI
           I CONCERTI DI TORINO
           Stagione Pubblica della RAI
           Direttore ETTORE GRACIS
           Duo pianistico Gino Gorini - Eugenio Bagnoli
           Musiche di Gabrieli, Mozart e Stravinsky
           Orchestra Sinfonica di Torino della Radiotelevisione Italiana
20,40  COUNTRY E WESTERN
21,00  GIORNALE RADIOTRE
           Direttore Mario Pinzaùti
21,15  FILOMUSICA
           Brani di Ravel, Bizet, Granados, De Falla, Boccherini, Debussy e Strawinsky
22,30  MUSICA E CINEMA: THRILLING
           Al termine: CHIUSURA

MONTECENERI - SVIZZERA

7,00  MUSICA - INFORMAZIONI
7,30 - 8,00 - 8,30 - 9,00 - 9,30  NOTIZIARI

7,45  IL PENSIERO DEL GIORNO
8,45  L'AGENDA
9,05  OGGI IN EDICOLA
10,00  RADIO MATTINA
11,30  NOTIZIARIO
12,50  PRESENTAZIONE PROGRAMMI
13,00  I PROGRAMMI INFORMATIVI DI MEZZOGIORNO
13,10  RASSEGNA DELLA STAMPA
13,30  NOTIZIARIO - CORRISPONDENZE E COMMENTI

14,05  ORCHESTRA DI MUSICA LEGGERA RSI
14,30  L'AMMAZZACAFFE'
           Elisir musicale offerto da Giovanni Bertini e Monika Kruger
15,30  NOTIZIARIO
16,00  PAROLE E MUSICA
17,00  IL PIACEVIRANTE
17,30  NOTIZIARIO
19,00  VOCI DEL GRIGIONI ITALIANO
19,30  L'INFORMAZIONE DELLA SERA
19,35  ATTUALITA' REGIONALI
20,00  NOTIZIARIO - CORRISPONDENZE E COMMENTI - SPECIALE SERA

21,00  IL DOCUMENTARIO
21,30  SPORT E MUSICA
23,30  RADIOGIORNALE
23,45  MUSICA IN FRAC
           Echi dai nostri commenti pubblici
           Ludwig Van Beethoven: Concerto in RE op.61 per violino e orchestra
0,30  NOTIZIARIO
0,45 - 1,00  NOTTURNO MUSICALE
-----------------------------------------------------------------------
Stavolta, come promesso, diamo la parola a gente dalla proverbiale competenza in un settore, quello dei programmi radiofonici, che non è stato ancora molto studiato e analizzato, almeno per quanto riguarda la meravigliosa reinassance incominciata nel 1966 - '67 e sviluppatasi per tutti gli anni Settanta almeno, prima di cedere alle insidie non indifferenti di quelle che Sergio Saviane, sempre ironicamente severo, aveva definito le radio-cioè.
Davide Camera, il cui amore più grande è stato e sarà sempre la radio, ci porta per mano tra i programmi dei palinsesti di sabato 18 settembre 1976, non senza soffermarsi su curiosità non a tutti note e quindi degne di essere amplificate da un blog come il nostro, che è orgoglioso di presentare (come usa dire negli Stati Uniti), affiancandosi ai già apprezzati Frìsoli, Starvaggi e Mannu e in attesa di nuovi arrivi sicuramente altrettanto graditi, un altro esperto di indubbia validità.

Quanto a noi, ci ritroveremo fra qualche giorno, sempre continuando ad almanaccare e spaziare nell'arco dei ruggenti decenni radiotelevisivi.

Vi salutiamo e passiamo quindi la parola a Davide, limitandoci a supportarne il discorso con appositi inserti audio-video (prevalentemente le sigle delle trasmissioni su cui il Nostro si sofferma nella propria dissertazione).

A presto ! ! !

CBNeas




Settembre 1976, quasi tempo di svernare, anche per la radiofonia degli anni d'oro, che si apprestava a smantellare le sue trasmissioni di maggior successo, nonostante stessero nascendo le prime radio libere, ed arrivassero i suoni di emittenti in lingua italiana, molto diverse tra loro, ma anche differenti dalla Rai, come Radio Montecarlo diretta da Noel Coutisson con un immenso Herbert Pagani caposcuola di tutta una generazione di nuovi conduttori, e Radio Capodistria che aveva le sue punte di diamante  in Luciano Minghetti, Ruggero Po e nel programma a richiesta Musica per voi.
La radio cambiava, le prime emittenti libere, semiclandestine nel Far West delle frequenze, precedente e successivo alla storica sentenza della Corte Costituzionale, iniziavano a nascere per gli sforzi di molti giovani volenterosi, che montavano impianti ed antenne per andare in onda. Il telefono diventava il protagonista dell'interazione con l'ascoltatore, nascevano "minidivi locali". E la Rai? Si faceva concorrenza interna, appunto, senza curarsi del nuovo fenomeno, tranne preoccuparsene anni dopo e far nascere Stereouno, Stereodue e Stereonotte, attingendo proprio al serbatoio dell'FM locale.
Guardiamolo, allora, questo palinsesto del 18 settembre, a metà tra il pre ed il post-riforma, partita ufficialmente il 15 marzo, ma ancora da assestarsi. Ci sono ancora trasmissioni legate alle gestioni di Leone Piccioni, Giuseppe Antonelli e Giorgio Vidusso, nei programmi divisi tra Radiouno e Radiodue, gli ex- Programma Nazionale e Secondo Programma, ora ridenominati nel loro status di reti autonome, ciascuna con il proprio direttore, Giovanni Baldari per Radiouno e Vittorio Citterich per Radiodue, mentre Radiotre con Enzo Forcella alla guida fa subito il suo salto di qualità varando trasmissioni parlate di alto livello che vanno ad alternarsi alla musica colta, tradizionale appannaggio del Terzo Programma. Punta di diamante è Prima pagina: un autorevole giornalista commenta i quotidiani, rispondendo alle telefonate degli ascoltatori. Un programma inaugurato da Ruggero Orlando, e condotto in quella settimana da Miriam Mafai. Non era ancora stato battezzato con quel titolo, ma invece era stato inserito in un contenitore intitolato Quotidiana Radiotre, condotto generalmente da Fabrizio Centamori, ex- annunciatore divenuto funzionario e in seguito  anche direttore di Isoradio, e talvolta anche da un altro ex- annunciatore, Gianni Baviera. In quel sabato c'è anche la replica di un rotocalco culturale, Spazio Tre, uno dei programmi di punta insieme con Un certo discorso, che dal lunedì al venerdì riproponeva in parte le tematiche di Per voi giovani. Merita una menzione anche il Gr3, diretto da Mario Pinzauti e che si distinse negli anni per la sua vocazione europeista.
video

Dopo il doveroso capitolo dedicato all'unica rete radiofonica che avesse già assimilato  la riforma, eccoci alle due "ammiraglie-ibrido", ancora con molti programmi del passato, ma che alla fine di quell'anno - purtroppo, è da dire - avrebbero chiuso definitivamente, come la Hit Parade di Lelio Luttazzi che andava in onda il venerdì, ma merita comunque una menzione.
Partiamo dunque da Radiouno, che si giovava peraltro di un'informazione di altissimo livello grazie al Gr1 diretto da Sergio Zavoli. Il palinsesto è quello pre-riforma, con il Mattutino musicale sinfonico alle 6, con Voi ed io alle 9, condotto in quel mese da Franco Interlenghi, con alle 12.10 il programma di novità discografiche Nastro di partenza affidato in quel periodo a Gianni Meccia, cantautore noto per canzoni scacciapensieri come Il pullover e Il barattolo molto stimato anche come conduttore radiofonico. 
video

Anche nel pomeriggio troviamo delle vecchie conoscenze molto amate dagli ascoltatori, due in particolare: La Corrida, al suo ottavo anno di vita, con Corrado ormai prossimo all'avventura televisiva di Domenica In, e Roberto Pregadio alla guida del complesso che cercava di accompagnare i dilettanti allo sbaraglio. Regia sempre affidata a Riccardo Mantoni, che oltre ad essere il fratello di Corrado, aveva con lui ideato la formula del programma, inizialmente varato da un funzionario radiofonico che si chiamava Luciano Rispoli: proprio lui, il garbato conduttore televisivo che conosciamo, e al quale si deve la partenza di molti di quei programmi. 
video

 Un altro lo troviamo, alle 15.40, in replica dalla domenica  da Radiodue -e questo dimostra come la riforma fosse ancora in embrione - e si chiama...
video

... Gran Varietà:  edizione tradizionale, con Johnny Dorelli presentatore, Federico Sanguigni regista, Amurri e Verde autori ed un cast fisso di eccezione...
video

... composto  da Gino Bramieri, Mina, Catherine Spaak, Gianrico Tedeschi e Monica Vitti. 
video

Tra i due colossi, altri programmi gradevoli: alle 14 la trasmissione satirica Orazio, curata da un pool di autori molto diverso tra loro, condotta da Gianni Bonagura, che si alternava con Renato Turi in una conduzione che variava dopo alcuni mesi. 
video

Presenza costante nella trasmissione quella di Franco Latini, attore, cantante, doppiatore multiforme di cartoni animati, che impersonava Quinto Orazio Flacco, arguto e satirico poeta romano cui era ispirato il "quasi quotidiano di satira e costume". All'interno, un minivarietà di Dino Verde e Bruno Broccoli, il padre del "professore" Umberto, dove gli attori (tra cui Isa Di Marzio, Linda Sini, Angiolina Quinterno e gli stessi Latini e Turi) facevano a pezzi l'attualità a suon di centoni e cioè canzoni di ieri e di oggi il cui testo veniva appositamente riscritto facendo riferimento alle vicende di cronaca, da sempre uno dei piatti forti della produzione di Dino Verde. Ma c'era anche Cantate con noi, con Franco Solfiti, dove un ascoltatore si cimentava nel canto di un brano su base originale, in genere si trattava di Parlami d'amore Mariù nella versione di Mal o Testarda io di Iva Zanicchi, con la base però che aveva un pezzettino in più rispetto a quella editata del 45 giri, e questo metteva in crisi gli aspiranti cantanti. E ancora Arrivano i nastri, un blob radiofonico ante litteram realizzato a Torino da Attilio Ciciotto, attore-regista prematuramente scomparso, e successivamente da Maria Grazia Cavagnino. 
video

Alle 15, spunta la vocazione turistica del buon Osvaldo Bevilacqua, che si preparava al suo Sereno Variabile" e ai suoi successivi appuntamenti radiofonici de La diligenza e Week-end. Il programma si chiama Ticket - Attualità di turismo, sport e spettacolo, e al neofita Bevilacqua viene affiancato come conduttore un navigatissimo autore radiofonico, personaggio molto noto in quegli anni, Marcello Casco.
Alle 18 il programma che, insieme con l'arcinoto Supersonic, si avvicinava di più a uno spirito radiofonico diverso da quello tradizionale e inamidato della Rai: Musica In, riuscito esperimento di musica e news inventato nel 1974 da Maurizio Riganti, inizialmente per l'estate e poi proseguito grazie al grande successo. Dei conduttori iniziali, Ronnie Jones, Claudio Lippi, Barbara Marchand e Solforio al secolo Franco Bracardi, era rimasto "in carica" solo l'ultimo, titolare del segmento dedicato al ballo liscio. Il musicista che poi per anni avremmo visto al fianco di Maurizio Costanzo, dava vita ad un improbabile piazzista che cercava di vendere qualsiasi cosa, e faceva diventare una sorta di sonetto la famosa poesiola irriverente "Ho comprato la moto Gilera".  Con lui, in quell'ultima stagione prima della chiusura definitiva, Sergio Leonardi, cantante-attore che ebbe un certo successo negli anni Sessanta, che si occupava della musica italiana, e la giovanissima Antonella Giampaoli, astro nascente della radiofonia reclutato in tempi rapidissimi dal funzionario Rai Ugo Porcelli (alter ego di Renzo Arbore) che l'aveva ascoltata in una radio libera romana, Antenna Musica, gestita dall'allora fidanzato Emilio Levi, anche lui destinato ad una brillantissima carriera radiotelevisiva.   La trasmissione, inizialmente in onda da Roma, era stata trasferita a Milano, e il regista iniziale Cesare Gigli - a mostrare la vicinanza non solo con Riganti, ma anche con Arbore - era stato sostituito da Antonio Marrapodi, discografico molto stimato, mancato alcuni anni fa.
Nella fascia serale, spazio all'opera in diretta da Spoleto, ma prima un appuntamento seguitissimo ideato e condotto dal cantautore folk Otello Profazio e dedicato a questo patrimonio musicale immenso che è appunto il folklore: Quando la gente canta
video

Mi piace ricordare anche la Buonanotte registrata nella sede Rai di Venezia con le voci di Emilia Verrua ed Ezio Desanti, proverbi, consigli e un augurio dolcissimo al termine di quei cinque minuti, che precedevano la chiusura delle trasmissioni, ancora data rigorosamente in diretta dall'annunciatore di turno. 
video

Niente di nuovo, a parte il Gr1, si potrebbe dire. E anche su Radiodue, niente di nuovo a parte il Gr2 di Gustavo Selva, detto Radiobelva, che accorciava i tempi delle news ed estrometteva quasi completamente gli speaker dalla conduzione affidandosi alle voci di giornalisti di grande qualità, da Cesare Palandri, a Mario Giobbe, Paolo Francisci, Luca Liguori, Filippo Cicognani, Lilli Sarti, per citarne alcuni. Un'altra novità era il tentativo di "decentrare" alcune edizioni del Gr a Milano e a Napoli.
Quanto ai programmi, siamo ancora alla transizione. Alle 8.40 Carlo Loffredo, con Gisella Sofio e Lori Randi allieta gli ascoltatori con i capelli bianchi in Per noi adulti, con musiche rigorosamente a 78 giri e una conduzione sul filo dei ricordi e di una garbata, simpatica ironia, tipica del jazzista Loffredo. Alle 10.35, dall'auditorio G di Milano (ipse dixit, in realtà, come Gran Varietà, si lavorava di montaggio e in un piccolo studio senza pubblico). il grande GIno Bramieri, su testi di Terzoli e Vaime e per la regia di Pino Gilioli, presentava Batto Quattro, trasmissione divertente con cantanti e scenette, caratterizzazioni dello stesso Bramieri come Toni Buleghin de Cavarzere, o il Carugati, recitate con attori della compagnia di Milano come Carlo Bonomi e Mario De Angeli. La direzione orchestrale, dopo Gorni Kramer e Pino Massara, era passata a Franco Cassano, autore tra l'altro con Marcello Minerbi e Tullio Romano di Sei diventata nera. Alle 12.40, dopo i Cori da tutto il mondo,  i gazzettini regionali ed il Gr2 Radiogiorno, arrivava uno dei programmi più ricordati e più rivoluzionari della radio pubblica, ma non solo: Alto Gradimento di Renzo Arbore e Gianni Boncompagni, su cui si è detto e scritto moltissimo, anche da chi sta scrivendo queste righe. Una trasmissione che ha avuto altre vite, come No, non è la BBC e Radiotrionfo, per poi tornare a chiamarsi con il nome originario e chiudere definitivamente nel 1980, sulla scia di un'ispirazione più culturale della rete voluta dall'allora direttore di Radiodue Corrado Guerzoni. Il palinsesto cita anche Giorgio Bracardi e Mario Marenco, giustamente apparsi nei credits essendo parte integrante di quella trasmissione e di quella meravigliosa follia radiofonica, ma non il regista del programma, rimasto sempre anonimo, chissà perché: era Massimiliano Fasan, il padre del Ruggito del Coniglio oltre che di molti altri programmi.  
video

Alle 13.35, nel breve spazio comico quotidiano che era stato di Pino Caruso, Pippo Franco, Oreste Lionello e soprattutto di Cochi e Renato che fecero faville con Due brave persone, troviamo la replica di una follia radiofonica di Paolo Villaggio realizzata però insieme con Maurizio Costanzo, e lo testimonia la regia di Orazio Gavioli in quegli anni suo stretto collaboratore: Dolcemente mostruoso.
Saltiamo alle 17.50 per ritrovare una replica da Radiouno: Kitsch, programma satirico che aveva raccolto il testimone dai precedenti Malalingua. Ispiratore e conduttore "il perfido" Luciano Salce, affiancato dal sodale Sergio Corbucci, altri artisti e l'imitatore Franco Rosi che si produceva principalmente nelle voci di Corrado e di un dj che presentava i brani musicali, Italo Antenna, chiaramente ispirato ad Ettore Andenna (http://ilfocolare-radiotv.blogspot.it/2010/09/domenica-26-settembre-1976-radio.html).
Siamo arrivati alla sera, momento topico per l'ascolto più giovane, perché dopo il tradizionale appuntamento giornalistico di Radiosera, partiva Supersonic, Dischi a mach due, che avrebbe resistito fino alla fine del 1977, al contrario degli altri appuntamenti vicini al colpo di spugna o - talvolta - a un cambio di denominazione che li manteneva inalterati (Cararai diventò Qui Radiodue, di Alto Gradimento abbiamo già detto). Una terna di conduttori, uno di loro presente ogni sera, composta da Antonio De Robertis, Gigi Marziali e Paolo Testa, con dischi scelti da Tonino Ruscitto e Massimo Lazzari. Piero Bernacchi, che con una sua follia ispirata dall' esperienza trascorsa alla BBC aveva dato il via alla categoria degli annunciatori con licenza di condurre, espressione da me coniata ma che ho gradevolmente visto usata anche da altri,  era passato, sempre come annunciatore, al Giornale Radio, mentre Paolo Francisci era diventato giornalista ed aveva iniziato una brillante carriera al Gr2. Il programma rimaneva frizzante, veloce, grazie all'ausilio dei tecnici del suono - su tutti Mauro Perni - e degli assistenti musicali, figura su cui sarà opportuno in altre occasioni soffermarsi con calma, anche perché totalmente scomparsa dalla radiofonia. Supersonic, come Alto Gradimento, mandava in onda i successi del momento e si spingeva oltre, proponendo lacche non ancora uscite sul mercato, novità assolute che poi, una volta nei negozi di dischi, avrebbero riportato sulla copertina "Un successo di Supersonic" (http://www.facebook.com/pages/Supersonic-fan-club/150589534970093?ref=ts). 
video

Poca riforma, ma tanta bella radio, in quel settembre 1976, a dimostrare che non era vero che i programmi Rai fossero da buttare e le estere, insieme con le radio libere, fossero il nuovo. Probabilmente furono le scelte successive ad aumentare un divario che spostò l'ago della bilancia verso una radio differente, oltre alla voglia di molti di noi, me compreso, di stare dalla parte del microfono e non dell'altoparlante. Di Gran Varietà, Corrida, Alto Gradimento, Musica In, Hit Parade saremmo presto diventati inconsolabili orfani.


Davide Camera
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


di Cesare Borrometi
  

non è stata mai narrata






Con il passare degli anni crescono sempre più la nostalgia e l’interesse per la vecchia TV di qualità: appositi canali digitali, siti Internet dedicati, pubblicazioni periodiche, tanto nelle edicole quanto nei negozi specializzati; DVD contenenti, tutte o in parte, storiche trasmissioni di ieri, libri a carattere storico-rievocativo godono di un pubblico scelto, appassionato e spesso anche esigente. Eppure c’era una lacuna da colmare: un almanacco, un lunario che raccogliesse, giorno per giorno, una vasta gamma di programmi di quel periodo d’oro, dal varietà allo sceneggiato, dalla pubblicità all’informazione, dalla TV dei ragazzi al teatro, allo sport, alla cultura e via dicendo. In tutto 366 titoli, uno per ogni giorno dell’anno, scelti in base alla relativa data di trasmissione (o di inizio serie per i programmi a puntate) o ad eventi particolari atti a determinarne il successo, e corredati da schede tecniche, presentazioni e commenti. Questa lacuna viene oggi colmata da Cesare Borrometi, ideatore di una formula che senz’altro cambierà il modo di gestire la storiografia sull’argomento: fermo intendimento dell’autore è di produrre nel tempo ulteriori libri del genere, fornendo all’appassionato, allo studioso e al curioso un panorama il più possibile preciso dei giorni, dei mesi e degli anni che hanno visto sbocciare trasmissioni e personaggi di fama del “piccolo schermo” da riscoprire e rivalutare.

MEF - Firenze Libri

Pagine: 330

Prezzo: Euro 29,00

ORDINATELO ON LINE NEI SITI SPECIALIZZATI

OPPURE RICHIEDETELO ESPRESSAMENTE 

AL VOSTRO LIBRAIO DI 

FIDUCIA.

 





 

Nessun commento: