martedì 7 febbraio 2012

Domenica 7 febbraio 1971 (Radio)



PROGRAMMA NAZIONALE

6,00 SEGNALE ORARIO
- MATTUTINO MUSICALE (I parte)
Brani di Ciaikowski, Offenbach, Bizet e Chabrier
6,54 ALMANACCO
7,00 MATTUTINO MUSICALE (II parte)
Brani di Massenet
7,20 QUADRANTE

Per il Friuli - Venezia Giulia
7,15 - 7,35 GAZZETTINO DEL FRIULI - VENEZIA GIULIA

7,35 CULTO EVANGELICO
8,00 GIORNALE RADIO
- SUI GIORNALI DI STAMANE
Rassegna della stampa italiana
8,30 VITA NEI CAMPI
Settimanale per gli agricoltori
a cura di Antonio Tomassini

Per la Sardegna
8,30 - 9,00 IL SETTIMANALE DEGLI AGRICOLTORI, a cura del Gazzettino Sardo

9,00 MUSICA PER ARCHI
9,10 MONDO CATTOLICO
Settimanale di fede e vita cristiana
Editoriale di Costante Berselli - La posta di Padre Cremona - Notizie e servizi di attualità
9,30 SANTA MESSA
in lingua italiana
in collegamento con la Radio Vaticana, con breve omelia di Don Valerio Mannucci
10,15 SALVE, RAGAZZI !
Trasmissione per le Forze Armate
Un programma presentato e realizzato da Sandro Merli

Per il Friuli - Venezia Giulia
8,30 - 10,45 TRASMISSIONI REGIONALI

10,45 Mike Bongiorno presenta:
MUSICAMATCH
Rubamazzetto musicale di Mike Bongiorno e Paolo Limiti
Orchestra diretta da Tony De Vita
Regia di Pino Gilioli
(Replica dal Secondo Programma)
- Crema Mani Tretan
11,35 IL CIRCOLO DEI GENITORI
a cura di Luciana Della Seta
12,00 SMASH ! DISCHI A COLPO SICURO
12,29 Giancarlo Guardabassi presenta:
VETRINA DI HIT PARADE
Testi di Sergio Valentini
12,44 QUADRIFOGLIO
13,00 GIORNALE RADIO
13,15 Dina Luce e Maurizio Costanzo
presentano:
BUON POMERIGGIO
15,00 GIORNALE RADIO
- CICALINO
15,10 POMERIGGIO CON MINA
Programma della domenica dedicato alla musica con presentazione di Mina, a cura di Giorgio Calabrese
- Chinamartini
16,00 TUTTO IL CALCIO MINUTO PER MINUTO
Cronache, notizie e commenti in collegamento diretto da tutti i campi di gioco, condotto da Roberto Bortoluzzi
- Stock
17,00 Falqui e Sacerdote presentano
FORMULA UNO
Spettacolo condotto da Paolo Villaggio, con la partecipazione di Luciano Salce e Ugo Tognazzi
Regia di Antonello Falqui
(Replica dal Secondo Programma)
- Star Prodotti Alimentari
17,54 CANZONI NAPOLETANE
18,10 IL CONCERTO DELLA DOMENICA
Direttore
KIRILL KONDRASCIN
Musiche di Shostakovich
19,15 I TAROCCHI
Presenta Barbara Marchand
19,30 TV MUSICA

Per il Trentino - Alto Adige
19,15 GAZZETTINO - BIANCA E NERA DALLA REGIONE - LO SPORT - IL TEMPO
19,30 - 19,45 MICROFONO SUL TRENTINO. PASSERELLA MUSICALE
Per il Friuli - Venezia Giulia
19,30 - 20,00 GAZZETTINO CON LA DOMENICA SPORTIVA
Per la Sardegna
19,30 IL SETACCIO
19,45 - 20,00 GAZZETTINO SARDO, edizione serale - SERVIZI SPORTIVI DELLA DOMENICA, a cura di Mario Guerrini
Per la Sicilia
19,30 - 20,00 SICILIA SPORT, panorama della domenica a cura di Orlando Scarlata e Luigi Tripisciano
Prima edizione

20,00 GIORNALE RADIO
20,20 ASCOLTA, SI FA SERA
20,25 BATTO QUATTRO
Varietà musicale di Terzoli e Vaime presentato da Gino Bramieri, con la partecipazione di Herbert Pagani e Nilla Pizzi
Regia di Pino Gilioli
(Replica dal Secondo Programma)
21,20 CONCERTO DEL QUARTETTO HUBEAU, GALLOIS-MONTBRUN, LEQUIEN E NAVARRA
Musiche di Faurè
21,55 DONNA '70
Flash sulla donna degli anni Settanta, a cura di Anna Salvatore
22,15 MUSICA LEGGERA DA VIENNA
22,40 PROSSIMAMENTE
Rassegna dei programmi radiofonici della settimana, a cura di Giorgio Perini
22,55 PALCO DI PROSCENIO
- Aneddotica storica
23,05 GIORNALE RADIO
- I PROGRAMMI DI DOMANI
- BUONANOTTE

Per la Sicilia
23,25 - 23,55 SICILIA SPORT, panorama della domenica a cura di Orlando Scarlata e Luigi Tripisciano
Seconda edizione

SECONDO PROGRAMMA

6,00 IL MATTINIERE
Musiche e canzoni presentate da Giancarlo Guardabassi
Nell'intervallo (ore 6,24):
BOLLETTINO PER I NAVIGANTI
7,30 GIORNALE RADIO
- Al termine: BUON VIAGGIO
- FIAT
7,40 BUONGIORNO CON GIPO FARASSINO E ANNA MARIA IZZO
Un caffè, canzoni e poche righe
8,14 MUSICA ESPRESSO
8,30 GIORNALE RADIO
8,40 IL MANGIADISCHI
9,14 I TAROCCHI
Presenta Barbara Marchand
9,30 GIORNALE RADIO
9,35 Dall'Auditorium A di Via Asiago in Roma
Amurri e Verde presentano:
GRAN VARIETA'
Spettacolo con Raimondo Vianello e la partecipazione di Vittorio Congia, Sandra Mondaini, Domenico Modugno, Francesco Mulè, Monica Vitti e Iva Zanicchi
Orchestra diretta da Marcello De Martino
Regia di Federico Sanguigni
Nell'intervallo (ore 10,30):
GIORNALE RADIO
11,00 CHIAMATE ROMA 3131
Conversazioni telefoniche del mattino condotte da Franco Moccagatta
Nell'intervallo (ore 11,30):
GIORNALE RADIO
12,00 ANTEPRIMA SPORT
Notizie e anticipazioni sugli avvenimenti del pomeriggio, a cura di Roberto Bortoluzzi e Arnaldo Verri
- Norditalia Assicurazioni
12,15 QUADRANTE
12,30 Lucio Dalla presenta:
PARTITA DOPPIA
Un programma di Sergio Bardotti
- Mira Lanza

Per il Friuli - Venezia Giulia
12,00 - 13,00 TRASMISSIONI REGIONALI
Per il Trentino - Alto Adige
12,30 - 13,00 GAZZETTINO TRENTINO - ALTO ADIGE - TRA MONTI E VALLI, trasmissione per gli agricoltori - CRONACHE - CORRIERE DEL TRENTINO - CORRIERE DELL'ALTO ADIGE - SPORT - IL TEMPO
Per l'Umbria, la Basilicata e la Calabria
12,30 - 13,00 SUPPLEMENTI DI VITA REGIONALE

13,00 IL GAMBERO
Quiz alla rovescia presentato da Franco Nebbia
Regia di Mario Morelli
- Star Prodotti Alimentari
13,30 GIORNALE RADIO
13,35 ALTO GRADIMENTO
di Renzo Arbore e Gianni Boncompagni
14,00 SUPPLEMENTI DI VITA REGIONALE
14,30 LA CORRIDA
Dilettanti allo sbaraglio presentati da Corrado
Complesso diretto da Roberto Pregadio
Regia di Riccardo Mantoni
(Replica dal Programma Nazionale)
15,20 LE PIACE IL CLASSICO ?
Quiz di musica seria presentato da Enrico Simonetti
Regia di Roberto D'Onofrio

Per la Sardegna
14,30 IL PROTESTIERE
Proteste a non finire, con contorno di canzoni, spiattellate da Mapus
Regia di Luigi Nora
14,50 COMPLESSI E CANTANTI ISOLANI DI MUSICA LEGGERA
15,10 - 15,30 MUSICHE E VOCI DEL FOLCLORE SARDO
Per la Sicilia
14,30 - 15,30 DOMENICA CON NOI, di Elmer Jacovino
con Rita Calapso e Gabriello Montemagno

16,00 POMERIDIANA
16,55 GIORNALE RADIO
17,00 DOMENICA SPORT
Risultati, cronache, commenti, interviste e varietà, a cura di Guglielmo Moretti, con la collaborazione di Enrico Ameri e Gilberto Evangelisti
In studio Rino Icardi
18,00 PAGINE DA OPERETTE
Scelte e presentate da Cesare Gallino
Musiche di Pietri, Johann Strauss, Lombardo, Offenbach e Lehar
18,30 GIORNALE RADIO - BOLLETTINO PER I NAVIGANTI
18,40 Umberto Simonetta e Livia Cerini
presentano
OMERO & C.
Cantautori di ieri e di oggi
Un programma di Umberto Simonetta realizzato da Franco Franchi
19,30 RADIOSERA
19,55 QUADRIFOGLIO
20,10 ALBO D'ORO DELLA LIRICA
a cura di Rodolfo Celletti e Giorgio Gualerzi
Soprano GIANNA PEDERZINI
Tenore TITO SCHIPA
- Stabilimento Chimico Farmaceutico Marco Antonetto
21,00 EPISTOLARI POLITICI DELL' 800
IL CANCELLIERE DI FERRO
a cura di Maria Luisa Spaziani
21,30 DISCHI RICEVUTI
a cura di Lilli Cavassa
Presenta Elsa Ghiberti
21,50 LA CERTOSA DI PARMA
di Stendhal
Adattamento radiofonico di Adolfo Moriconi
Compagnia di prosa di Torino della RAI con Valentina Cortese, Warner Bentivegna, Loris Gizzi
Musiche originali di Franco Potenza
Regia di Giacomo Colli
Sesta puntata
22,30 GIORNALE RADIO
22,40 INVERNO NAPOLETANO
Canzoni e poesie di stagione scelte e illustrate da Giovanni Sarno
Partecipa Nino Taranto
Presenta Annamaria D'Amore
Musiche originali di Carlo Esposito
23,05 BOLLETTINO PER I NAVIGANTI
23,10 BUONANOTTE EUROPA
Divagazioni turistico - musicali di Lorenzo Cavalli
Regia di Manfredo Matteoli
24,00 GIORNALE RADIO
0,06 - 5,59 NOTTURNO ITALIANO

TERZO PROGRAMMA

TRASMISSIONI SPECIALI
(DALLE 9,25 ALLE 10,00)

9,25 L'EVOLUZIONE DELL'UOMO E LA SUA VOLONTA'
Conversazione di Maria Maitan
9,30 CORRIERE DELL'AMERICA
Risposte de La Voce dell'America ai radioascoltatori italiani
9,45 PLACE DE L'ETOILE
Istantanee dalla Francia
10,00 CONCERTO DI APERTURA
Musiche di Beethoven e Berlioz
11,15 CONCERTO DELL'ORGANISTA EDWARD POWER BIGGS
Musiche di Pachelbel e Rheinberger
11,50 FOLK - MUSIC
Due canti folkloristici ungheresi delle località di Sarkoz e di Bekes
12,10 L'UOMO CHE ANDAVA PER TARTUFI
Conversazione di Franco Piccinelli
12,20 I TRII DI WOLFGANG AMADEUS MOZART
13,00 MIREILLE
Opera in cinque atti di Charles Gounod
Con Renèe Doria, Michel Senechal, Robert Massard, Solange Michel
Orchestra e Coro della Vega diretti da Jesus Etcheverry
14,50 PROVA D'AMORE
Radiodramma di Fred William Willetts
Traduzione di Teresa Telloli Fiori
Con Nando Gazzolo, Arnoldo Foà, Cinzia De Carolis, Corrado Gaipa, Cecilia Todeschini, Antonella Della Porta, Franco Scandurra, Maria Grazia Sughi, Giampiero Becherelli.
Regia di Umberto Benedetto
17,00 I CLASSICI DEL JAZZ
17,30 DISCOGRAFIA
a cura di Carlo Marinelli
18,00 CICLI LETTERARI
Memorialisti italiani del Novecento
a cura di Ettore Bonora
Memorie di guerra e di prigionia
18,30 BOLLETTINO DELLA TRANSITABILITA' DELLE STRADE STATALI
18,45 PAGINA APERTA
Settimanale di attualità culturale
La crisi delle librerie. Interventi di Ferdinando Virdia e Mirko Zanello - L'enigma dell'universo: la teoria della creazione continua. Intervista a Vinicio Barocas - Il Foro Romano è in pericolo? Intervento di Sabatino Moscati - Tempo ritrovato: uomini, fatti, idee
19,15 CONCERTO DI OGNI SERA
Musiche di Kodaly e Bartok
20,00 PASSATO E PRESENTE
Il trattato di Rapallo
a cura di Claudio Schwarzenberg
20,30 POESIA NEL MONDO
Poesia e protesta, a cura di Gilberto Finzi
La Seconda Guerra Mondiale
Dizione di Renzo Palmer, Francesco Carnelutti, Laura Giordano, Fulvio Ricciardi
Regia di Enzo Convalli
21,00 IL GIORNALE DEL TERZO - SETTE ARTI
21,30 Club d'ascolto
LA SETTIMANA DI FRANZ SCHUBERT
a cura di Boris Porena
Schubert oggi
Interventi di Mario Bortolotto, Aldo Clementi, Giorgio Manganelli
Al termine: Chiusura

MONTECENERI - SVIZZERA

I Programma

7,00 NOTIZIARIO
7,05 CRONACHE DI IERI
7,20 LO SPORT-ARTI E LETTERE
7,30 MUSICA VARIA
8,00 NOTIZIARIO
8,05 MUSICA VARIA - NOTIZIE SULLA GIORNATA
8,30 ORA DELLA TERRA
A cura di Angelo Frigerio
9,00 MAZURCHE
9,10 CONVERSAZIONE EVANGELICA
del Pastore Guido Rivoir
9,30 SANTA MESSA
10,15 ARCHI
10,25 INFORMAZIONI
10,30 RADIO MATTINA
11,45 CONVERSAZIONE RELIGIOSA
di Monsignor Corrado Cortella
12,00 CONCERTO BANDISTICO
12,30 NOTIZIARIO - ATTUALITA'
13,05 CANZONETTE
13,10 IL MINESTRONE (ALLA TICINESE)
14,00 INFORMAZIONI
14,05 TEMI LEGGERI
14,15 CASELLA POSTALE 230
risponde a domande di varia curiosità
14,45 MUSICA RICHIESTA
15,15 CITTA' ANTICA
15,45 MUSICHE DI GERSHWIN
16,30 LA RSI ALL'OLYMPIA DI PARIGI
17,30 LA DOMENICA POPOLARE
18,15 ORCHESTRE RICREATIVE
18,25 INFORMAZIONI
18,30 LA GIORNATA SPORTIVA
19,00 CLARINETTI
19,15 NOTIZIARIO - ATTUALITA'
19,45 MELODIE E CANZONI
20,00 IL MONDO DELLO SPETTACOLO,
a cura di Carlo Castelli
20,10 LA MARCIA DI RADETZKY
Dramma in due tempi di Carlo Castellaneta
Regia di Alberto Canetta
22,00 INFORMAZIONI E DOMENICA SPORT
22,20 PANORAMA MUSICALE
23,00 NOTIZIARIO-ATTUALITA'
23,25 - 24,00 NOTTURNO MUSICALE

II Programma

14,00 IN NERO E A COLORI
Mezz'ora realizzata con la collaborazione degli artisti della Svizzera Italiana
14,35 MUSICA PIANISTICA DI CARL MARIA VON WEBER
14,50 LA COSTA DEI BARBARI
Presenta Febo Conti
(Replica dal I Programma)
15,15 RASSEGNA DISCOGRAFICA
Trasmissione di Vittorio Vigorelli
16,00 ROBERTO DEVEREUX
Opera di Gaetano Donizetti
Con Beverly Sills e Peter Glossop
Royal Philharmonic Orchestra e Ambrosian Opera Chorus diretti da Charles Mackerras
18,00 ALMANACCO MUSICALE
18,30 LA PRIMA LEGORA
di Enrico Talamone
Regia di Sergio Maspoli
19,30 DISCHI PER I GIOVANI
20,00 DIARIO CULTURALE
20,15 NOTIZIE SPORTIVE
20,30 IL CANZONIERE
20,45 OCCASIONI DELLA MUSICA
a cura di Roberto Dikmann
22,00 - 22,30 MATERIALI
Quindicinale di informazioni culturali
-------------------------------------------------------------------------------------
Anche questo post illustra una giornata radiofonica ed è molto più snello, complici gli scioperi dei poligrafici addetti ai periodici che bloccarono le pubblicazioni di quasi tutti i numeri del febbraio 1971 dele principali guide radiotelevisive (TV Sorrisi e Canzoni in testa: si salvò, almeno per quella settimana, il Radiocorriere magno, che uscì in edizione ridotta e con meno dettagli sulle scalette musicali delle varie trasmissioni). Pochi contributi estratti dal Tubo, quindi, ma sufficienti a fare da colonna sonora a una giornata che passerà alla storia, almeno in ambito sportivo... ne parleremo più avanti.
E dire che le prime notizie diffuse dai giornali radio sono drammatiche, a cominciare da un terremoto che ha devastato, la sera prima, il centro storico di Tuscania, nel Viterbese, località che solo due anni e mezzo prima aveva goduto di fama universale, avendovi Franco Zeffirelli girato gran parte della versione cinematografica di Romeo e Giulietta di Shakespeare.



Inoltre cresce la tensione in Calabria a seguito della decisione di spostare il capoluogo di regione da Reggio a Catanzaro (è una protesta che dura sin dall'estate precedente): nei giorni precedenti è scoppiata una rivolta nel quartiere popolare reggino di Sbarre contro la decisione del prefetto di impedire lo svolgimento del comizio del Comitato d'Azione per Reggio capoluogo, fondato da Ciccio Franco, integerrimo fascista e sostenitore dell'antico motto dannunziano Boia chi molla !.



Radio e telegiornali danno un'importanza solo relativa ai due eventi in questione, laddove nei successivi decenni eventi del genere (in particolare le scosse sismiche) avranno una copertura quasi totale, a volte pure esagerata, da parte dei principali organi di informazione: solo aggiornamenti, qualche collegamento, ma sempre nei limiti di tempo delle trasmissioni dei vari notiziari. Poi c'è la missione lunare dell'Apollo 14 che sicuramente fa più spettacolo e che distoglie maggiormente l'attenzione dalle calamità (naturali o sociali) che affliggono il nostro Paese e dai connessi e sicuri risvolti politici. Semmai sono questi avvenimenti positivi a rivoluzionare i palinsesti in quel periodo (la TV, per esempio, due sere dopo sacrificherà addirittura Carosello pur di arrivare in tempo a documentare in diretta il rientro della navicella), non certo disgrazie e preoccupazioni.



Ci si sveglia, come è ormai consuetudine da un annetto in qua, con le pagine più popolari della musica classica, riunite nel già più volte da noi ricordato Mattutino del Programma Nazionale. Tra i brani diffusi in quell'alba domenicale invernale spicca la rapsodia Espana, una - ma certamente la più nota - delle ultime composizioni del francese Alexis Emmanuel Chabrier, vissuto nella seconda metà dell'Ottocento. L'incisione trasmessa risale al 1957 e vede sul podio della London Symphony Orchestra lo spagnolo Ataulfo Argenta (più tardi suicida per amore): si tratta di una delle primissime registrazioni stereofoniche realizzate per merito della Decca, la compagnia discografica britannica che introdusse nel mondo la più fortunata tecnica di riproduzione sonora di tutti i tempi.

video

Da qualche tempo, la domenica mattina sul Secondo Programma, è in azione il vorace Mangiadischi. Questa rubrica, che allieta il risveglio festivo della gioventù e che durerà sino alla tarda estate del 1975, inizialmente non si rivolge direttamente (come farà ben presto) al verde pubblico degli ascoltatori, trasmettendo in prevalenza i dischi di moda, ma alterna (come vedrete e sentirete fra pochissimo) i successi del momento con indovinate esecuzioni orchestrali di classici senza tramonto della canzone, come Aquarela do Brasil (più nota con il titolo della versione in lingua inglese, semplicemente Brazil) nell'arrangiamento che Percy Faith, ottimo direttore nordamericano, registrò nel 1962:

video

La RAI-TV ha trasmesso nell'estate precedente, praticamente nell'indifferenza generale, alcune puntate importate direttamente dall'Inghilterra del varietà This is Tom Jones, rassegna di cantanti pop e rock animata dal bravo interprete gallese. L'insuccesso italiano di questo varietà così lontano dal gusto nostrano (allora fortunatamente di gran lunga superiore: la professionalità di gente come Antonello Falqui è riconosciuta su scala internazionale) non scalfisce comunque il prestigio di cui Tom Jones gode pure tra gli ascoltatori dello Stivale, specie i più raffinati: a questi ultimi è dedicato That wonderful sound .

video

Ai giovani piace da tempo il sound di un complesso belga che sta scalando le classifiche europee (compresa la nostra Hit Parade) con canzoni ricche di melodie classicheggianti (a volte anche riprendendo temi di grandi compositori, come in occasione del primo successo, intitolato Daydream). Si parla sempre più insistentemente di una partecipazione all'imminente Festival di Sanremo, partecipazione che puntualmente avverrà e che, pure a causa di alcuni spiacevoli incidenti (provocati dal vero frontman, il violinista Raymond Vincent, virtuoso dalle spettacolari doti), purtroppo costerà la popolarità italiana di tale quintetto, denominato Wallace Collection. Dal 33 giri Serenade, eccone il brano omonimo:

video

Il Brasile continua a esportare ovunque i propri musicisti: dopo il trionfo di Sergio Mendes, ormai stabilitosi negli Stati Uniti, tenta l'avventura a stelle e strisce una formazione che riunisce per l'occasione alcuni validi artisti della terra del Pan di Zucchero, adottando un nome inglese (The G 9 Group) e incidendo sempre in lingua anglosassone alcuni pezzi storici, come Deixa di Vinicius De Moraes e Baden Powell, tradotta con il titolo Let me:

video

Infine spazio al cantante del momento, il trionfatore di Canzonissima, il personaggio che sta sostituendo Gianni Morandi nei cuori delle ragazzine: Giovanni Calone, in arte Massimo Ranieri. Mentre Vent'anni mantiene da settimane il primato di canzone regina della classifica discografica, a Il mangiadischi passa il 45 giri precedente, uno struggente motivo un po' demodè (che si avvale pure di una versione recitata dallo stesso Ranieri, Mio caro amore evanescente e puro, prova generale di quella che sarà tra poco la sua professione principale, e incisa sul retro del tema cantato) dal titolo Sogno d'amore. In questo modo ricordiamo l'autore del testo, il fiorentino Giancarlo Bigazzi, che ci ha lasciati qualche tempo fa:

video

Mentre il Secondo prepara il proprio pubblico all'atteso spettacolo leggero di ogni domenica mattina con questo florilegio di incisioni, più seriosa e raccolta è l'atmosfera che da anni si respira (e ancora per molto si respirerà) sul Programma Nazionale all'avanzare del dì di festa. Il GR delle 8, con la presentazione di Sandro Ciotti delle partite di calcio del pomeriggio; la rassegna della stampa; il settimanale degli agricoltori, introdotto da un inconfondibile valzerino campestre, e quindi, prima dell'ampio spazio di natura liturgica, un brevissimo programma di Musica per archi. Tra i quattro brani che coprono dieci minuti circa di trasmissione figura questo tango eseguito, impeccabilmente come sempre, dal ricco complesso del marsigliese Franck Pourcel (i suoi 33 giri, a lungo intitolati, nell'edizione destinata all'Italia, Un'orchestra nella sera, hanno ovunque un positivo riscontro di vendite), che vedremo tra un anno addirittura a Sanremo, in veste di ripetitore dei ritornelli dei motivi in gara a beneficio delle giurie. Ecco comunque il già preannunciato tango, dal titolo Il pleut sur la route:

video

Le note dell'Aria sulla IV Corda di Bach fanno da sigla alla rubrica Mondo cattolico, che precede subito la messa in onda del rito eucaristico, ripreso direttamente dalla Radio Vaticana. Benchè non ci sentiamo particolarmente osservanti, non nascondiamo di provare una certa emozione quando ricordiamo l'avvio (ancor oggi praticamente immutato) della trasmissione radiofonica della Messa: le campane della Basilica Vaticana che suonano a distesa per circa 15 - 20 secondi, poi la mitica voce di Benedetto Nardacci (che solo qualche anno prima conduceva per la TV dei Ragazzi programmi di divulgazione culturale) proclamante la formula ancor oggi in uso (anche se detta da altri/e speakers, essendo Nardacci ormai in pensione):



Laudetur Jesus Christus ! Qui la Radio Vaticana !
In collegamento con la Radiotelevisione Italiana trasmettiamo la Santa Messa, celebrata secondo le intenzioni del Sommo Pontefice Paolo VI. La trasmissione è dedicata agli ammalati, ai sofferenti e a tutti coloro che, nell'impossibilità di andare in Chiesa, volessero adèmpiere al precetto festivo.
Celebrerà la Santa Messa e terrà l'omelìa Don Valerio Mannucci


(ovviamente i sacerdoti officianti cambiano periodicamente. Quella domenica il Ministro del rito è questo prete toscano, assistente della FUCI, ossia la Federazione Universitaria Cattolica).

Non lo abbiamo mai fatto prima d'ora: avendo toccato questo tema, vogliamo proporvi la Lectio Sancti Evangelii di quel 7 febbraio, quinta Domenica del tempo ordinario dell'Anno Liturgico C.

+ Dal Vangelo secondo Luca
In quel tempo, mentre la folla gli faceva ressa attorno per ascoltare la parola di Dio, Gesù, stando presso il lago di Gennèsaret, vide due barche accostate alla sponda. I pescatori erano scesi e lavavano le reti. Salì in una barca, che era di Simone, e lo pregò di scostarsi un poco da terra. Sedette e insegnava alle folle dalla barca.
Quando ebbe finito di parlare, disse a Simone: «Prendi il largo e gettate le vostre reti per la pesca». Simone rispose: «Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti». Fecero così e presero una quantità enorme di pesci e le loro reti quasi si rompevano. Allora fecero cenno ai compagni dell'altra barca, che venissero ad aiutarli. Essi vennero e riempirono tutte e due le barche fino a farle quasi affondare.
Al vedere questo, Simon Pietro si gettò alle ginocchia di Gesù, dicendo: «Signore, allontànati da me, perché sono un peccatore». Lo stupore infatti aveva invaso lui e tutti quelli che erano con lui, per la pesca che avevano fatto; così pure Giacomo e Giovanni, figli di Zebedèo, che erano soci di Simone. Gesù disse a Simone: «Non temere; d'ora in poi sarai pescatore di uomini».
E, tirate le barche a terra, lasciarono tutto e lo seguirono.

Parola del Signore



Chiusa la parentesi spirituale (a nostro avviso, non serve essere credenti per capire la bellezza di certe pagine sia del Vecchio che del Nuovo Testamento), ritorniamo a spigolare tra le stazioni radiofoniche di quel giorno e ci imbattiamo inevitabilmente in un altro annuncio, di gran lunga più distensivo, che molti attendono:

"Dall'Auditorium A di Via Asiago in Roma, Amurri e Verde presentano Gran Varietà, spettacolo della domenica presentato da Raimondo Vianello.

Parte subito l'orchestra di fiati di Marcello De Martino, insinuandosi tra i fintissimi applausi composti e freddi che precedono la voce del grande Raimondo. E' la seconda volta che Vianello è al timone del programma domenicale: tra l'estate del '67 e la primavera del '68 aveva rimpiazzato il conduttore storico Johnny Dorelli, poi rientrato a propria volta fino all'estate del 1969. Indi c'era stata la parentesi in parte fiorentina con Walter Chiari e la regia di Silvio Gigli al posto di Federico Sanguigni e quindi, dalla primavera del 1970, il ritorno di Sanguigni e soprattutto di Raimondo Vianello, con Sandra Mondaini immancabile protagonista di uno spazio animato interamente da lei stessa.

Come sempre, a parte gli ospiti canori che intervengono per promuovere i loro ultimi dischi, vi è un cast fisso che resta in carica per circa tre mesi e mezzo e che annovera fior di attori e cantanti. Anzi, le presenze più importanti di inizio 1971 riguardano proprio il settore musicale, con due personaggi che godono (e godranno) di vasta e perenne popolarità. Il primo è Domenico Modugno, che con le vendite di Come hai fatto e soprattutto de La lontananza ha rinverdito i fasti internazionali dei bei tempi di Volare: ora egli chiude la prima parte di Gran Varietà con La gabbia, una canzone tratta dal suo più recente LP e che proprio grazie al passaggio radiofonico viene stampata anche in formato 45 giri.

video

L'altra è Iva Zanicchi, l'aquila di Ligonchio, ancora ben lontana dal compromettersi politicamente al servizio di un orribile nano e quindi grande cantante e basta, capace di passare facilmente da Theodorakis a Nicola Di Bari, da Endrigo a un certo brano francese lanciato in origine dalla greca Nana Moskouri, L'enfant et la gazelle , che viene scelto quale sigla di chiusura di questa serie di Gran Varietà (ovviamente in versione italiana):

video

Ritornano inevitabilmente alla mente sapori, emozioni e abitudini delle domeniche di 41 anni or sono: il festoso desco con le lasagne al forno, il pollo con le patatine fritte e gli immancabili cannoli nel nostro originario Meridione o le bignòle quassù in Alta Italia; i sottofondi radiofonici con le trasmissioni regionali (anche se da poco è stata abbandonata la formula del varietà dialettale in favore di un servizio a carattere giornalistico: potenza dell'istituzione degli Enti Regionali per effetto delle elezioni amministrative del giugno precedente); i tifosi che aspettano di ritrovarsi allo stadio, dove alle tre in punto, senza spezzatini di sorta, assisteranno alla partita della squadra del cuore, con l'immancabile supporto del radiotransistor che diffonderà in diretta i secondi tempi. Sono emozioni che sarebbe bello rivivere nella loro semplicità e che - ci perdonino i puristi della letteratura - andrebbero bene per una versione più aggiornata di una poesia che amiamo tanto, Le cose che fanno la domenica di Corrado Govoni: peccato che vengano, quattro decadi e un anno dopo i fatti di cui parliamo in questo post, ricreate solo per necessità, quelle rare volte (come è capitato nei giorni scorsi) in cui i rigori invernali sconsigliano di giocare a calcio la sera, a - 10° C, solo per la bella faccia di TV satellitari che ancora erano, nel 1971, nella mente di chi prospettava (con un ottimismo giustificato quanto, col senno del poi, stroncato) meraviglie, comodità e comfort di un Duemila sempre più vicino.
L'attesa spasmodica di chi rimane a casa: fra una canzone e un dialogo tra Mina e Giorgio Calabrese - o una presentazione e l'altra di Elio Gigante dei brani della Tigre inseriti nella scaletta del Pomeriggio da lei condotto -, i tifosi più accaniti, schedina del Totocalcio (altro mito ormai tramontato) alla mano, sognano il voluto andamento delle prime frazioni di gioco. Poi, alle quattro in punto, arrivano le voci di Mario Malagamba e Maria Brivio:

- La Stock di Trieste, augurandovi buon ascolto, vi ricorda....
- Stock 84, il brandy dal classico gusto secco;
- Royalstock, il brandy dal gusto preziosamente morbido;
- Julia, la grappa di carattere.


Ci siamo ! Si rinnova il rituale ricreativo di ogni domenica pomeriggio, Tutto il calcio minuto per minuto e quel Gentili ascoltatori, buon giorno ! Dallo studio centrale Roberto Bortoluzzi ! ha un po' - benchè la similitudine sembri apparentemente irriverente - l'effetto della campanella suonata dal sacerdote mentre si avvia all'altare per celebrare la funzione. Tutti gli appassionati, schedina alla mano, osservano un'ora di sentito e voluto silenzio: al diavolo le manfrine delle mogli esauste dopo aver lavato i piatti del luculliano pasto ! Nella stanza riecheggiano le voci di Enrico Ameri, Sandro Ciotti, Piero Pasini, Claudio Ferretti, Ezio Luzzi e di tutti gli altri commentatori.
I risultati dei primi tempi non sono gran cosa: su cinque campi non si è ancora segnato. Solo il Toro è in vantaggio (2-1 in casa con il Varese), mentre è stata realizzata una rete per parte sia a Verona, tra gialloblu e Fiorentina, che a Catania, tra i rossazzurri siculi e il Lanerossi Vicenza.
Ora non sappiamo (ma da qualche parte esisterà pure la registrazione...) chi fosse in cabina quel pomeriggio all'Olimpico di Roma: vista l'importanza della partita tra la Roma del mago Herrera e la sua ex- squadra, l'Inter che, sotto la guida di un Gianni Invernizzi determinato e rigoroso (sembra che anche i vecchi compagni debbano, almeno in sede agonistica, dargli del Lei e chiamarlo Mister), sta riprendendo sempre più quota, affiancandosi al Milan Campione d'Inverno(e poi superandolo, giungendo alla conquista dell'undecimo scudetto), pensiamo a Sandro Ciotti. Ad ogni modo, il radiocronista non avrà mancato di sottolineare che, nella formazione assai rimaneggiata dei lombardi, decimati da influenza (Sandrino Mazzola) e infortuni (Bedin, Jair e Bellugi - quest'ultimo compie 21 anni, cioè diventa maggiorenne, proprio quel giorno -), c'è posto, assieme a Frustalupi, Fabbian e Achilli, per un debuttante, un diciottenne comasco che suscita subito un'ottima impressione, degno sostituto del bel toscano già corteggiato dalle sempre più numerose tifose, trascinate dalla passione dal tifo sfegatato di Lady Renata Fraizzoli, moglie dell'allora presidente... e anch'egli, col tempo, non sarà da meno. Per anni questo giovanotto sarà un abile jolly, finchè non troverà la via definitiva come mediano. Certo, nessuno immagina che, qualcosa come 28 anni dopo, un allora piccolo tifoso interista della Bassa Reggiana che un bel giorno imparerà a suonare la chitarra e scriverà e canterà motivi di successo, gli dedicherà questo brano:

video

Proprio così: il vice - Bellugi di quel pomeriggio è Gabriele Oriali, fra poco, per tutti gli interisti, Lele.



Anch'egli dà un contributo non indifferente nel frenare l'assedio romanista dalle parti di Lido Vieri, pur se l'occasione più ghiotta sarà proprio nerazzurra, con un tiro di Corso che forse varca la linea bianca... per Concetto Lo Bello non è goal e qualche dubbio sarà mosso in serata anche da Bruno Pizzul ed Heron Vitaletti in TV... fatto sta che l'incontro termina con la divisione della posta e senza segnature. Il Milan batte il Foggia con un rigore di Gianni Rivera (che ancora non balla di certo con le stelle) e una rete di Romeo Benetti, riscatto morale per il biondo veneto dopo le innumerevoli cattiverie dette contro di lui dopo aver provocato involontariamente il grave incidente ai danni di Liborio Liguori del Bologna, mentre la Juve perde di misura proprio in casa dei rossoblu felsinei (goal di Marino Perani), tra l'altro non digerendo certe decisioni arbitrali che fanno arrabbiare non poco l'allenatore Armando Picchi, che da buon toscano non le manda a dire e si fa allontanare dalla panchina. Sconterà la squalifica, ma purtroppo...

Prima di ritorno, invece, tra i cadetti: il Mantova perde 0-2 a Pisa, mentre l'Atalanta liquida nettamente la Ternana, il Catanzaro espugna Novara e il Bari perde a Reggio Calabria. Detto questo, "se la vostra squadra ha vinto, festeggiate con Stock ! Se ha perso, consolatevi con Stock !".

Concludiamo il post così come lo abbiamo aperto, cioè con una nuova finestra sulla grande musica. Stavolta parliamo di melodramma e l'occasione ci viene offerta dalla trasmissione in onda sul Secondo Programma dopo Radiosera e la rubrica musical - pubblicitaria Quadrifoglio: Albo d'oro della lirica, preparata da due sommi esperti dell'opera, il romano Rodolfo Celletti e il torinese Giorgio Gualerzi (quest'ultimo ancor oggi, anno 2012, vivente e in piena attività: ha una memoria prodigiosa nel rammentare date e circostanze di tutte le più svariate rappresentazioni nei principali teatri del mondo... e non solo). La puntata di quella sera avvicina due idoli delle scene a cavallo delle due guerre: il mezzosoprano trentino Gianna Pederzini e il grandissimo tenore pugliese Tito Schipa. Ci sembra giusto riascoltare le voci di entrambi, estrapolate da vecchi 78 giri che fortunatamente sono stati rimasterizzati alla grande al computer, eliminando quei fastidiosi e disturbanti fruscii e rumori di fondo.
Abbiamo scelto per ognuno l'interpretazione più universalmente rappresentativa: dire Gianna Pederzini vuol dire Carmen, perfetta non solo vocalmente, ma anche scenicamente, con tutta la carica di sensualità richiesta nel dare il giusto vigore al personaggio della sigaraia gitana protagonista del romanzo di Prosper Merimèe,da cui Georges Bizet trasse il proprio capolavoro. Ascoltiamo - in italiano - Pres les remparts de Seville, ossia la Seguidilla che si ascolta sul finire del primo atto.



--------------------------------------------
Carmen
Presso il bastion di Siviglia
Io troverò Lilias Pastia,
Là vo' danzar la seguidiglia e
Bere di vino un bicchier ...
Andrò per ritrovar Lilias Pastia.

Sì, ma star sola è gran follìa,
Se non s'è in due 1'amor non v'è;
Là per servir di compagnia.
Un bel garzon sarà con me,
Un bel garzon ! Vada all'inferno !
Se l'ho scacciato or son tre dì ;
Ma questo cor ama in eterno,
sceglier vuol chi lo ferì.
Amanti io n'ho quanti ne bramo.
Alcun di lor non mi fissò;
Libera son, ancor non amo.
chi mi vorrà ben 1'amerò;
Chi vuol un cor, il può comprare,
Perchè tardar ? L' ora suonò;
Tempo non ho per aspettare,
Col nuovo amante io me n'andrò.
Presso il bastion là di Siviglia
Io troverò Lillas-Pastià,
Là danzerò la sequidiglia.
Ed un bicchier — di vin vo' ber.
Tacer non vuoi ? deggio dirlo ancor più
Credi ch'io parli a te ? No, canto per me sola.
Forse penso — impedir chi mi può di pensar? —
Penso ad un tale — bell' uffiziale
E che, s'io vo', — felice far potrò.

Quest'uffizial non è già capitano,
E tenente nemmeno, appena è brigadier;
Ma può bastar ad una fattucchiera,
E me ne posso accontentar.

---------------------------
L'orchesta che accompagna la Pederzini è quella dell'EIAR di Torino diretta da Ugo Tansini (è un'incisione del 1941):

video

Dalla voce di Tito Schipa ascoltiamo invece una pagina tanto amata quanto toccante, tratta da L'Arlesiana di Francesco Cilèa, operista calabrese vissuto però a lungo in Liguria, a Varazze, ove ha concluso i propri giorni (se si percorre il Lungomare della rinomata località di villeggiatura rivierasca, c'è un busto in memoria proprio di Cilèa): il Lamento di Federico (E' la solita storia del pastore).


-----------------------------------------
È la solita storia del pastore...
Il povero ragazzo voleva raccontarla
E s'addormì.
C'è nel sonno l’oblio.
Come l'invidio!
Anch'io vorrei dormir così,
nel sonno almen l'oblio trovar!
La pace sol cercando io vo'.
Vorrei poter tutto scordar!
Ma ogni sforzo è vano.
Davanti ho sempre
di lei il dolce sembiante.
La pace tolta è solo a me.
Perché degg'io tanto penar?
Lei! Sempre lei mi parla al cor!
Fatale vision, mi lascia!
Mi fai tanto male! Ahimè!

---------------------------
Incisione realizzata a Camden, nel New Jersey, l'11 settembre 1928, per la Victor Company Talking Machine (ossia l'antenata della RCA):

video

Con questa vecchia e gloriosa registrazione operistica termina il nostro post, molto variegato invero, che ci ha riportati dritti dritti al febbraio 1971. Ci ritroveremo presto con un nuovo intervento che ci auguriamo possa parimenti suscitare il vostro (vivo, speriamo) interesse. Vi salutiamo caramente e vi ringraziamo per l'attenzione.

Buona notte a tutti ! ! !

CBNeas

2 commenti:

Davide Camera ha detto...

Guarda che ribadisco che anche Gran Varietà con Walter Chiari e la regia di Silvio Gigli andava in onda da Roma. L'annuncio in sigla era di Roberto Di Palma; pensi che se andava da Firenze non lo avrebbero per caso fatto Giulio Del Sere e Giancarla Cavalletti? Gigli lavorava molto a Roma, dove ha realizzato la famosa Piccola storia della canzone italiana.

CBNeas1968 ha detto...


Siamo riusciti a recuperare su YouTube l'edizione di "Tutto il calcio" di quel giorno: all'Olimpico la voce del radiocronista fu di Enrico Ameri.