domenica 20 ottobre 2013

Sabato 20 ottobre 1973 (Radio - 1)

                        
                                          MATTINO - POMERIGGIO


PROGRAMMA NAZIONALE

6,00  SEGNALE ORARIO
   -    MATTUTINO MUSICALE (I parte)
        Musiche di W. A. Mozart, Bellini, Chabrier, Schumann, J. Strauss
6,51  ALMANACCO
7,00  GIORNALE RADIO
7,10  MATTUTINO MUSICALE (II parte)
         Musiche di Casella, Wienawsky, Turina, Busoni

                    Per il Friuli - Venezia Giulia
7,15 - 7,30  GAZZETTINO DEL FRIULI - VENEZIA GIULIA
                    Per Abruzzo e Molise
7,30 - 7,55  IL MATTUTINO ABRUZZESE-MOLISANO
                   Programma di attualità culturali e musica
                   Per la Sicilia
7,30 - 7,45  IL GAZZETTINO DI SICILIA, 1a edizione

7,45  IERI AL PARLAMENTO
8,00  GIORNALE RADIO
   -    SUI GIORNALI DI STAMANE
         Rassegna della stampa italiana
8,30  LE CANZONI DEL MATTINO
9,00  IL GRILLO CANTANTE
9,15  VOI ED IO
         Un programma musicale in compagnia di Ave Ninchi
         con
         SPECIALE GR (10,00 - 10,15)
         Fatti e uomini di cui si parla
         Edizione del mattino
11,20  Vi invitiamo a inserire la
           RICERCA AUTOMATICA
           Parole e musiche colte a volo tra un programma e l'altro
11,30  GIRADISCO
           a cura di Gino Negri
12,00  GIORNALE RADIO
12,10  NASTRO DI PARTENZA
           Musica leggera in anteprima presentata da Gianni Meccia
           Testi e realizzazione di Luigi Grillo
   -      Chicco Artsana
12,44  MUSICA A GETTONE
13,00  GIORNALE RADIO
13,20  LA CORRIDA
           Dilettanti allo sbaraglio presentati da Corrado
           Complesso diretto da Roberto Pregadio
           Regia di Riccardo Mantoni
14,00  GIORNALE RADIO
14,09  CONCERTINO
           Musiche di Paganini, Rossini, Paderewski, Rachmaninoff, Karlowicz, Chopin.

SECONDO PROGRAMMA

6,00  IL MATTINIERE
         Musiche e canzoni presentate da Francesca Romana Coluzzi
         Nell'intervallo: BOLLETTINO DEL MARE
         (ore 6,30): GIORNALE RADIO
7,30  GIORNALE RADIO
         Al termine: BUON VIAGGIO
   -     FIAT
7,40  BUONGIORNO CON LA STRANA SOCIETA' E GIORGIO GABER
         Caffè, canzoni e poche righe
   -     Formaggino Invernizzi Milione
8,14  MARE, MONTI E CITTA'
8,30  GIORNALE RADIO
8,40  PER NOI ADULTI
         Canzoni scelte e presentate da Carlo Loffredo e Gisella Sofio
9,14  RIBALTA
9,30  GIORNALE RADIO
9,35  UNA COMMEDIA IN TRENTA MINUTI
         Rossella Falk in
         Anna Christie
         di Eugene O' Neill
         Traduzione di Laura Del Bono e Elio Nissim
         Riduzione radiofonica di Chiara Serino
         Regia di Mario Ferrero
10,05  CANZONI PER TUTTI
10,30  GIORNALE RADIO
10,35  Dall'Auditorio G di Milano
           BATTO QUATTRO
           Varietà musicale di Terzoli e Vaime
           presentato da Gino Bramieri
           con la partecipazione di Lucio Dalla e Domenico Modugno
           Orchestra diretta da Pino Massara
           Regia di Pino Gilioli
11,30  GIORNALE RADIO
11,35  RUOTE E MOTORI
           a cura di Piero Casucci
    -     FIAT
11,50  CORI DA TUTTO IL MONDO
           a cura di Enzo Bonagura
12,10  TRASMISSIONI REGIONALI
12,30  GIORNALE RADIO
12,40  PICCOLA STORIA DELLA CANZONE ITALIANA
           Anno 1951
           In redazione: Adriano Mazzoletti
           I cantanti: Nicola Arigliano, Giorgio Onorato, Nora Orlandi, Anna Rusticano
           Gli attori: Gianfranco Bellini, Alina Moradei, Angiolina Quinterno
           Dirige la tavola rotonda Antonino Buratti
           Per la canzone finale Gilda Giuliani con l'Orchestra Ritmica di Milano della Radiotelevisione Italiana diretta da Giulio Libano
           Regia di Silvio Gigli
           (Replica)
  -       Dufour Caramelle
13,30  GIORNALE RADIO
13,35  I GRANDI DELLO SPETTACOLO
13,50  COME E PERCHE'
           Una risposta alle vostre domande 
14,00  SU DI GIRI

                        Per il Lazio e parte dell'Umbria
14,00 - 14,30  GAZZETTINO DI ROMA E DEL LAZIO, seconda edizione
                        Per la Puglia e parte della Basilicata
14,00 - 14,30  CORRIERE DELLA PUGLIA, seconda edizione


TERZO PROGRAMMA

7,55  TRASMISSIONI SPECIALI
         (fino alle 10,00)
   -     FILOMUSICA

                   Per la Campania
8,00 - 9,00  GOOD MORNING FROM NAPLES
                    Trasmissione in inglese per il personale della NATO

9,25  IL RICORDO BIBLICO NELLA CUCINA EBRAICA
         Conversazione di Giovanni Bonifacio
9,30  MUSICA ANTIQUA
         Brani di Binchos, Pierre de la Rue, Ciconia, De Sermisy, Jacob Arcadelt, Gabrieli, Gastoldi, Gussago, Peuerl, Susato, Monteverdi, Banchieri

10,00  CONCERTO DI APERTURA
           Musiche di Purcell, W. A. Mozart, Smetana
11,00  LE SONATE PER VIOLINO E CEMBALO DI GIOVANNI BATTISTA VIOTTI
11,30  UNIVERSITA' INTERNAZIONALE GUGLIELMO MARCONI (da Londra)
           Robert Boyd, Le misteriose buche nere
11,40  CONCERTO DEL QUARTETTO PARRENIN
           Musiche di Bartòk e Strawinsky
12,20  MUSICHE ITALIANE D'OGGI
           Brani di Giuseppe Savagnone
13,00  LA MUSICA NEL TEMPO
           Delacroix e Chopin
           di Diego Bertocchi

MONTECENERI - SVIZZERA

I Programma

6,00  DISCHI VARI
6,15  NOTIZIARIO
6,20  CONCERTINO DEL MATTINO
7,00  NOTIZIARIO
7,05  CRONACHE DI IERI
7,10  LO SPORT - ARTI E LETTERE
7,20  MUSICA VARIA
8,00  INFORMAZIONI
8,05  MUSICA VARIA - NOTIZIE SULLA GIORNATA
9,00  RADIO MATTINA - INFORMAZIONI
12,00 MUSICA VARIA
12,15  RASSEGNA STAMPA
12,30  NOTIZIARIO - ATTUALITA'
13,00  INTERMEZZO
13,10  ZIA MAME
           di Patrick Dennis
           Sceneggiatura radiofonica di Margherita Cattaneo
13,25  MELODIE SENZA ETA'
           a cura di Tino Vailati con l'Orchestra Radiosa
14,00  INFORMAZIONI
14,05  INTERVALLO
14,10  PER I LAVORATORI ITALIANI IN SVIZZERA

II Programma

9,30  CORSI PER ADULTI
12,00  MEZZOGIORNO IN MUSICA
           Brani di Vivaldi, Eichner e A. Mendelssohn
12,45  PAGINE CAMERISTICHE
           Musiche di Boccherini, Haas, Brahms
13,30  CORRIERE DISCOGRAFICO
           redatto da Roberto Dikmann
13,50  IL NUOVO DISCO
 ----------------------------------------------------------

Ricominciamo a parlare di radio... l'abbiamo davvero sottovalutata, quest'anno.... ma ogni tanto tiriamo fuori alcuni palinsesti che rinfocolano la nostalgia nel cuore degli appassionati delle AM ed FM (primo fra tutti, l'amico veneto Davide Camera, che ringraziamo pubblicamente per averci fornito le fotografie di annunciatrici e annunciatori atte a caratterizzare questo e gli altri post d'argomento radiofonico che seguiranno nell'immediato futuro quello che state per leggere).

La bella ragazza che vedete ritratta nell'immagine introduttiva (per la cronaca, scattata nel 1968) ha fatto veramente di tutto, in RAI: oggi è un'apprezzata giornalista ed esperta di spettacolo (cinema e teatro in primis) e da quando è andata in pensione continua la propria attività su YouTube (http://www.youtube.com/playlist?list=PL4EA355A6FA92384B), ma già nella seconda metà degli anni Sessanta, tra un esame e l'altro all'Università, si proponeva come voce suadente e seriosa a un tempo, alternandosi tra via Asiago e via del Babuino, ossia le due sedi romane di RadioRAI (la prima riservata agli spettacoli e alle rubriche varie; l'altra occupata dalla redazione del GR).  Il suo nome è familiare agli "aficionados" dell'emittente radiofonica di Stato: Mariangiola Castrovilli. A lei l'ideale compito di riportarci indietro di esattamente quattro dècadi, quindi a sabato 20 ottobre 1973.

Giornata all'insegna della musica, sia classica che leggera, ma non manca l'informazione: mentre prosegue in Medio Oriente la Guerra del Kippur e parte un vertice tra Stati Uniti (il Segretario di Stato Henry Kissinger) e Unione Sovietica (Leonid Brezhnev) per giungere a un solerte "cessate il fuoco !" che fortunatamente arriverà, ma con spiacevoli conseguenze di natura economica, l'attesa della gente è rivolta soprattutto verso la partita di calcio Italia-Svizzera, prevista per il pomeriggio allo Stadio Olimpico di Roma e che deciderà della partecipazione degli azzurri di Valcareggi alla fase finale dei Mondiali in Germania Ovest del successivo giugno ... ci arriveremo più avanti, quando sarà il momento... esattamente nell'altro post che dedicheremo al ricco palinsesto di quella lontana giornata.

Incominciamo con l'allora consueto Mattutino musicale classico del Programma Nazionale (l'odierna Radiouno), che quel sabato include in scaletta, tra l'altro, un brano di Henryk Wienawski, violinista e compositore polacco ottocentesco che, pur se non popolarissimo, ha regalato alla letteratura del principe degli archi delle pregevoli pagine, spesso eseguite nei concerti come bis: eccovi quindi la Leggenda, nell'interpretazione di David Oistrakh, illustre violinista ucraino, accompagnato al pianoforte da Vladimir Yampolsky.

video

Il Secondo Canale, invece, continua nella piacevolissima trasmissione di musica leggera che offre quotidianamente brevi ritratti di cantanti e complessi italiani e stranieri, con letture di massime e aforismi celebri (tra le voci recitanti figura anche quella della nostra Castrovilli) inserite tra una canzone e l'altra. Ad augurare il buongiorno sono, quel sabato, il complesso torinese de La Strana Società di Cesare Gianotti, formazione arrivata ai vertici delle nostre classifiche l'anno prima per aver diffuso anche in Italia l'ormai popolarissimo motivetto di Pop corn, e Giorgio Gaber, ormai avviato lungo la strada del Teatro-Canzone  che segnerà la seconda parte della sua lunga carriera.
Partiamo proprio con Pop corn:

video

Da tempo, però, La Strana Società ha intrapreso la produzione di pezzi vocali, anche per il successo ottenuto dal retro di Pop corn, ossia la bellissima canzone Nel giardino di Tamara. Al Disco per l'Estate Era ancora primavera è entrata in finale (e non certo perchè spinta dalla Fonit-Cetra, consociata RAI: difatti, per smentire illazioni di ogni tipo, Gianotti e soci passeranno presto alla Durium e faranno un'ottima figura anche l'anno dopo a Saint-Vincent con Fai tornare il sole), mentre meritano maggior attenzione i due brani che vi facciamo ora qui ascoltare, cominciando con Vento che soffi:

video

Dall'Europop sincopato con armonie prog di Vento che soffi a una cover di un successo straniero, Quella donna sei tu:

video

Passiamo a Giorgio Gaber, con una scaletta assai varia che prende le mosse dall'ultimo successo, Lo shampoo (che la RAI propone in versione "purgata", senza cioè il verso "La schiuma è una cosa sacra... come la Santa Messa", assolutamente improponibile in un contesto sorvegliato da dirigenti di ispirazione cattolica):

video

Tra le rarità della produzione dell'artista milanese di origine triestina figura la colonna sonora da lui interpretata per un film del 1971 con Massimo Ranieri, Bubù di Montparnasse, Ascolta la canzone:

video

Tra i motivi del vecchio repertorio che Gaber ha riproposto ne Il Signor G figura una bellissima canzone del 1963, lanciata in TV in Canzoniere minimo e il cui titolo è stato preso a prestito per un altro programma condotto dal Nostro sul piccolo schermo nell'inverno 1965-'66, Le nostre serate:

video

A proposito del primo Gaber, come non ripensare a Trani a gogò del 1962 ?

video

Prima che gli annunciatori esprimano a nome della Invernizzi i ringraziamenti per l'ascolto di Buongiorno con... c'è il tempo di ascoltare la canzone che Gaber portò a Sanremo nel 1967, su testo di un esordiente autore siciliano, un certo Franco Battiato (che non lo firmò perchè non ancora iscritto alla SIAE): E allora dai !, che i maligni del nostro tempo, forse, etichetteranno come "inno buonista".

video

Dopo il Buongiorno con... del Secondo, torniamo sul Programma Nazionale con l'appuntamento tutto italiano de Le canzoni del mattino, che si apre con l'ultimo successo di Gianni Nazzaro, quel Il primo sogno proibito (di Claudio Mattone e con l'ottimo testo dell'esperto Franco Migliacci) che non è riuscito a vincere il Disco per l'Estate, pur risultando migliore sia di Quanto è bella lei di Lorenzo Pilat e Daniele Pace che della successiva Questo sì che è amore di Sandro Giacobbe:

video

Milva, terza a Sanremo con l'intensa Da troppo tempo, ha inserito quale lato B di quest'ultimo brano un'ottima composizione di Enrico Riccardi e Luigi Albertelli ispirata alla favola di Cappuccetto Rosso, I tetti rossi di casa mia:

video

C'è spazio per la tradizione con l'immarcescibile Claudio Villa e la Venditrice di stornelli:

video

All'inizio dell'anno, Ornella Vanoni ha condotto assieme a Walter Chiari e a Don Lurio un ottimo varietà televisivo firmato da Antonello Falqui, Leo Chiosso e Gustavo Palazio, L'appuntamento: ad accompagnare i titoli di coda delle quattro puntate ha provveduto una canzone d'atmosfera scritta per l'occasione assieme a Bruno Canfora, Ma come ho fatto ?

video

Come sempre, nella scaletta de Le canzoni del mattino figura l'angolino della canzone partenopea, che quel giorno è appannaggio di un estratto di quella che, a nostro avviso, è stata la più bella antologia napoletana mai incisa su disco. Ci riferiamo cioè ai due 33 giri Napoli pubblicati, nel 1963 e nel 1965, da Miranda Martino con l'orchestra di Ennio Morricone. Dall'album del 1963 eccovi 'A frangesa, e approfittiamo dell'occasione per fare i nostri più sinceri auguri alla bravissima artista napoletana (nata però in Friuli in quanto il padre insegnava Latino e Greco in un liceo di Udine, il mitico Stellini - tra i cui allievi sarebbero apparsi negli anni Cinquanta, non più con il Prof. Martino nel frattempo tornato a Napoli, due ragazzi di sicuro avvenire dapprima come calciatori, poi uno come giornalista e commentatore esperto di calcio per la TV e l'altro come allenatore: Bruno Pizzul e Massimo Giacomini -) nell'imminenza dei suoi 80 anni che cadranno il 29 ottobre 2013: tanti ancora di questi giorni, carissima Signora Miranda ! ! !

video

 La stagione dei Radio-tempi pubblicitari sta per finire: essi con il 1974 saranno aboliti. Nel frattempo, in quel 1973 essi modificano più volte i titoli e così quello che fino a inizio anno era Quadrante ora s'intitola Il grillo cantante sul Programma Nazionale al mattino e I grandi dello spettacolo sul Secondo nel primo pomeriggio. Ad ogni modo, puntuale alle 9,15 risuona un motivo ormai familiare agli ascoltatori:

video

E' la sigla di Voi ed io (House of the king, eseguita dagli olandesi Focus), il programma condotto da un attore che cambia periodicamente: in questo periodo è al microfono un'attrice che sta ritrovando il successo nell'insperata veste di esperta di cucina in virtù dei trionfi televisivi di Colazione allo studio 7 (e presto se ne preparerà una nuova edizione, con il titolo mutato in A tavola alle 7 in quanto andrà in onda alle 19,00 sul Secondo Canale): la simpatica Ave Ninchi.
Sul Secondo, invece, come ogni sabato, largo alla vivacità di Gino Bramieri e dei suoi tre personaggi, Gustavino Dell'Acqua, Buleghin e Carugati, eroi delle scenette di Batto quattro, mentre intervengono per presentare i loro dischi due cantautori che incidono allora per la stessa casa discografica, la RCA. Il primo è Lucio Dalla, il quale ha musicato nove poesie di Roberto Roversi (il 33 giri Il giorno aveva cinque teste), aggiungendo un simpaticissimo divertissement all'insegna di un grammelot americaneggiante: poichè non vi è testo, il motivo si intitola Pezzo zero.

video

Domenico Modugno ha appena sfornato un nuovo 33 giri di inediti (salvi due pezzi) dal titolo Il mio cavallo bianco, già nell'occhio del ciclone per la canzone L'anniversario, censurata dalla RAI. Il disco vedrà una seconda edizione nel marzo successivo, con l'aggiunta del brano di Sanremo Questa è la mia vita: per intanto, gli ascoltatori possono conoscere gli altri motivi, a partire dalla title track, una struggente ballata dal titolo Cavallo bianco.

video


Avrete riconosciuto senz'altro il più famoso quadro di Eugene Delacroix, La libertà che guida il popolo (impropriamente detto anche La Marsigliese): ebbene, quando Fryderyk Chopin giunse a Parigi, fu proprio grazie al pittore che il pianista e musicista polacco potè entrare nei salotti più chic della città, non solo impartendo lezioni di pianoforte alle ragazze e ai ragazzi più in vista dell'alta società, ma anche e soprattutto stringendo amicizia con i molti intellettuali europei che si ritrovavano per scambiarsi idee e far conoscere reciprocamente i frutti del loro ingegno (tra tutti, come ben si sa, la scrittrice Aurore Dupin in arte George Sand).
Quegli anni furono assai prolifici sotto il profilo compositivo e proprio a quella stagione della breve esistenza del "poeta del pianoforte" è dedicata la puntata del ricchissimo e seguitissimo ciclo de La musica nel tempo, ottima e organica serie del Terzo Programma alla quale collaborano musicologi di fama non solo nazionale, i quali scelgono i dischi più pregevoli e interessanti delle composizioni illustrate di volta in volta, incisi dai più grandi artisti del Novecento.
Riascoltiamo insieme questi dischi di brani chopiniani, partendo dal celeberrimo Notturno n.2 op. 9 , eseguito dal grande pianista svizzero Alfred Cortot:

video

Restando in tema di grandi interpreti, non può mancare il prodigio italiano Maurizio Pollini, il pianista milanese che nel 1960, a soli 17 anni, vinse il Premio Chopin di Varsavia e che ancor oggi rimane un lettore tra i più validi e acclamati del musicista polacco. Ecco nella sua esecuzione i 12 Studi op.25, dedicati nel 1837 dal ventisettenne Chopin a un'amica di Ferenç Liszt, la contessa di Agoult (i numeri 1, 9, 11 e 12 hanno i rispettivi sottotitoli de Il Pastorello, Le ali della farfalla, Vento invernale e Oceano):

  video

Per i 24 Preludi op. 28 (che Chopin non scrisse interamente, ma soltanto elaborò durante un soggiorno a Mallorca con George Sand al suo fianco) è stata invece scelta la versione di Friedrich Gulda, il versatile e trasgressivo concertista tedesco che in seguito avrebbe cavalcato nel contempo altre strade, non ultima quella del rock. Si tratta di una delle primissime versioni a 33 giri, datata 1953 (quindi di un Gulda giovanissimo) e pubblicata dalla Decca:

video
video

Finita la consueta puntata sabatina de La corrida, le trasmissioni proseguono con un altro appuntamento fisso dedicato all'ascolto di dischi usciti in tempi recenti (al massimo un paio d'anni prima), Su di giri, che specie nella parte finale presenta alcune incisioni assai interessanti, a partire da Alberto Baldan che, con il nome d'arte di Blue Marvin, si cimenta (anch'egli... è la moda corrente) con il sintetizzatore di Moog (e relative stupefacenti sonorità elettroniche) nell'esecuzione di una propria composizione dal titolo Polvere di sole (Sundust):

video

La West Coast è la sede geografica di una fucìna di autori, cantanti e complessi in grado di fondere la tradizione del country con le sonorità rock: sono anni felicissimi per tutti questi personaggi destinati a fare storia. Vogliate quindi ascoltare un brano composto da Jackson Browne e interpretato da Linda Ronstadt, dal titolo Rock me on the water:

video

Adesso un po' di rock con i Free che eseguono Little bit of love:

video

La puntata di Su di giri termina invece con un brano tratto da Per un amico, secondo LP della Premiata Forneria Marconi, formazione pop-rock italiana che sta mietendo successi anche all'estero: perfino gli  anglosassoni e gli statunitensi, in genere assai diffidenti con gli stranieri specie se non cantano in inglese, sono entusiasti di Francone Mussida, Franz Di Cioccio e compagni. Non solo viene realizzata di lì a poco un'inevitabile antologia di canzoni tradotte dal titolo Photos of ghosts, ma anche la PFM viene invitata a esibirsi Oltreoceano... sarà un tour dall'esito assai felice, le cui migliori esecuzioni saranno documentate nell'album Live in USA. Eccovi quindi Il banchetto:

video

Per ora ci fermiamo qui: aspettate qualche giorno e avrete la continuazione di ciò che la radio propose il 20 ottobre 1973. Vi preannunciamo che l'opera lirica, la buona musica leggera e naturalmente Italia - Svizzera di calcio saranno gli argomenti di cui ci occuperemo a completamento del nostro esame dei vari palinsesti di un sabato d'autunno ormai molto lontano.

A prestissimo, dunque, e grazie ! ! !

CBNeas

--------------------------------------------------------------------------------------------------------

Non dimenticate

LUNARIO DEI GIORNI DI TELE
di Cesare Borrometi
                             

  La TV degli anni d'oro come non è stata mai narrata


Con il passare degli anni crescono sempre più la nostalgia e l'interesse per la vecchia TV di qualità: appositi canali digitali, siti Internet dedicati, pubblicazioni periodiche, tanto nelle edicole quanto nei negozi specializzati; DVD contenenti, tutte o in parte, storiche trasmissioni di ieri, libri a carattere storico-rievocativo godono di un pubblico scelto, appassionato e spesso anche esigente. Eppure c’era una lacuna da colmare: un almanacco, un lunario che raccogliesse, giorno per giorno, una vasta gamma di programmi di quel periodo d’oro, dal varietà allo sceneggiato, dalla pubblicità all’informazione, dalla TV dei ragazzi al teatro e alla cultura, lo sport e via dicendo. In tutto 366 titoli, uno per ogni giorno dell’anno, scelti in base alla relativa data di trasmissione (o di inizio serie per i programmi a puntate) o ad eventi particolari atti a determinarne il successo, e corredati da schede tecniche, presentazioni e commenti. Questa lacuna viene oggi colmata da Cesare Borrometi, ideatore di una formula che senz’altro cambierà il modo di gestire la storiografia sull’argomento: fermo intendimento dell’autore è di produrre nel tempo ulteriori libri del genere, fornendo all’appassionato, allo studioso e al curioso un panorama il più possibile preciso dei giorni, dei mesi e degli anni che hanno visto sbocciare trasmissioni e personaggi di fama del “piccolo schermo" da riscoprire e rivalutare.



MEF Firenze Libri - Pagine: 330

Prezzo: Euro 29,00


Se avete già acquistato 


 Lunario dei giorni di Tele,  


 dite pure la vostra in 


risposta a questo post ! 


Se non lo avete ancora,


prenotatelo dal vostro 


libraio di fiducia (ve lo farà 


appositamente arrivare  


in pochi giorni)   oppure 


ordinatelo direttamente 


attraverso le librerie 

on line ! ! !












































Nessun commento: